Quantcast
Pescopennataro

Accoltella il nipote al culmine di una lite, 70enne arrestato e trasferito in carcere

Sono scattate le manette ed è stato trasferito a tarda notte nella casa circondariale di Isernia l'uomo che ieri sera ha accoltellato il nipote al culmine di una lite. La sua posizione è al vaglio dell'autorità giudiziaria, mentre i Carabinieri stanno indagando per ricostruire i motivi dell'aggressione. Sgomento e sconcerto nel piccolo paese dell'Alto Molise

In tarda notte è stato arrestato e trasferito in carcere a Isernia l’uomo di 70 anni che ieri sera ha accoltellato il nipote a Pescopennataro, paese di poco più di 200 anime in Alto Molise. La posizione dell’anziano, portato all’ospedale Veneziale per un Tso (trattamento sanitario obbligatorio) e ricoverato inizialmente nel reparto di Psichiatria, è al vaglio dell’autorità giudiziaria che sta valutando gli elementi e le prime testimonianze raccolte dai Carabinieri.

E’ stato lo stesso aggressore a chiedere l’intervento dei militari telefonando al 112 della Compagnia Carabinieri di Agnone per chiedere l’intervento del personale sanitario. Appena giunti sul posto, i carabinieri hanno prestato i primi soccorsi al ferito fino all’arrivo dell’ambulanza del 118 che, una volta terminate le medicazioni, lo hanno trasportato all’ospedale di Isernia. Poco dopo sempre i militari hanno raggiunto il settantenne che nel frattempo aveva fatto rientro a casa, che si trova a poca distanza dal luogo dell’aggressione. Era in forte stato di agitazione: è stata necessaria una lunga e delicata trattativa finalizzata a calmare l’anziano, che gli uomini dell’Arma hanno tentato di riportarlo alla ragione.

Anche per il 70enne è stato chiesto l’intervento di personale medico che ne ha successivamente disposto, unitamente alla guardia medica e al sindaco del comune altomolisano, un trattamento sanitario obbligatorio. Anche lui è stato portato al Veneziale.

Nell’abitazione dell’anziano, dopo la perquisizione domiciliare effettuata dai Carabinieri, è stata ritrovata una pistola di piccolo calibro, illegalmente detenuta, oltre che a un machete e al coltello da cucina verosimilmente utilizzato per colpire il  nipote. Quest’ultimo sta meglio e non è in pericolo di vita.

Mentre in base alle risultanze investigative emerse, una volta dimesso dall’ospedale, il 70enne è stato arrestato e condotto nel carcere di Isernia. Potrebbe essere accusato nelle prossime ore di tentato omicidio: l’autorità giudiziaria sta valutando gli elementi probatori raccolti a suo carico.

Gli uomini dell’Arma stanno ricostruendo cosa sia successo nei minuti antecedenti l’aggressione, i motivi che hanno spinto il 70enne ad aggredire il nipote 40enne e se c’erano delle vecchie ruggini, dei dissapori che possano aver scatenato la violenza del pensionato.

La lite è scoppiata per “motivi banali”, riferiscono i militari, ma sarebbe potuta finire in tragedia: secondo le ricostruzioni, la vittima dell’aggressione è stato colpito all’altezza dell’inguine, nella parte alta della coscia. Per pochi centimetri il coltello non ha reciso la vena safena, la più lunga del corpo umano.

leggi anche
carabinieri agnone
Pescopennataro
Ai domiciliari l’anziano che ha aggredito il nipote col coltello. Ascoltati testimoni oculari
commenta