Quantcast
Carabinieri

40 grammi di droga in casa, dopo perquisizione il giudice convalida l’arresto del pusher isernino

L'uomo è finito in carcere: la misura cautelare è stata decisa dal giudice per le indagini preliminari dopo che nella sua abitazione sono stati trovati 38 grammi di cocaina, 1 grammo di eroina e uno di crack.

E’ stato convalidato l’arresto del pusher isernino accusato di detenzione di sostanza stupefacente e trasferito in carcere su decisione del giudice per le indagini preliminari. Decisivo il ritrovamento in casa dell’uomo di 40 grammi di sostanza stupefacente, rinvenuta nel corso della perquisizione eseguita lo scorso 27 aprile dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Isernia coadiuvati da personale del Nucleo Carabinieri Cinofili di Chieti.

Nell’abitazione sono stati trovati 38 grammi di cocaina, un grammo di crack e uno di eroina. Oltre lo stupefacente la perquisizione ha consentito di rinvenire e sequestrare un bilancino di precisione, del materiale abitualmente utilizzato per il confezionamento dello stupefacente in dosi e denaro contante in banconote di vario taglio, probabilmente frutto dell’attività di spaccio.

Durante la perquisizione l’uomo, alla vista dei carabinieri, si è fiondato nella propria camera da letto forse intenzionato a disfarsi dello stupefacente. Il tentativo è stato vano: i militari sono riusciti a bloccarlo mentre si chinava sotto il letto dove aveva nascosto parte della sostanza.

Giovedì pomeriggio (28 aprile) al termine dell’udienza di convalida, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Isernia ha accolto le richieste formulate dalla Procura convalidando l’arresto e applicando nei confronti del pusher la misura della custodia cautelare in carcere.

commenta