Quantcast
La richiesta

Una giornata per le radio e le tv, Ordine giornalisti chiede legge alla Regione

Il presidente dell’Ordine dei giornalisti del Molise, Vincenzo Cimino, ha inviato una lettera al governatore della Regione, Donato Toma, affinché anche il Molise istituisca una giornata da dedicare alle radio e tv libere.

Ricordandogli che il Consiglio regionale della Campania, su impulso della Rea (associazione radio televisioni libere), ha già approvato una mozione e si appresta a varare legge regionale ad hoc, Cimino ha anche indicato la data per le celebrazioni.

“Perché il 28 luglio? Perché è la data della storica sentenza della Corte Costituzionale n. 202 del 1976, che sanciva la libertà di etere. Tale proposta di legge regionale vuol ricordare la data del 1976 in cui fu liberato l’etere e le radio libere e le tv poterono fiorire e dare voce alle comunità locali. Oltre alla Campania, anche il Molise potrebbe assurgere a regione pilota nella difesa della libertà di pensiero, con la speranza che sia approvata rapidamente da tutte le forze politiche delle 20 Regioni, superando schieramenti e steccati di parte. Finalmente qualcosa dunque si muove, finalmente qualcuno quindi capisce che le voci libere sono preziose, perché sono le voci dei territori, dei borghi, dei paesi e delle regioni. Se si spengono questi sibili si desertificano i territori. E così visto che le economie locali languono, sarà accentuata l’emigrazione forzata. La cultura si disperde e prevale la cultura artefatta e posticcia delle multinazionali. Questi sono sostanzialmente i temi che emergono anche da articoli di stampa, dallo stesso relatore e dalla Rea: temi cui non possiamo esimerci dal condividerne la fattispecie. Mi piacerebbe che anche il Consiglio regionale del Molise potesse affrontare un argomento simile e sarebbe interessante che il Molise diventasse Regione portabandiera di questa idea di libertà, in un contento, il molisano, dove sussistono piccole emittenti radiofoniche e televisive che garantiscono il pluralismo, grazie anche alla legge regionale per l’editoria. Gliene sarei grato”.

 

commenta