Quantcast
Campobasso

Impianti di sanificazione nelle scuole, M5S boccia mozione. Ira del Pd

Mentre centri più piccoli come Palata e Larino hanno investito per acquistare impianti di ventilazione per ridurre la diffusione del virus, invece a Campobasso il Consiglio comunale ha bocciato la proposta dell'opposizione di centrosinistra

A Palata lo scorso gennaio è stato inaugurato un impianto di ventilazione meccanica che consente di contrastare nelle scuole la diffusione del virus Sars-Cov-2. A Larino sono stati installati 50 sanificatori per prevenire i contagi. A Campobasso non è possibile fare tutto ciò, installare impianti di sanificazione o di depurazione dell’aria nelle aule scolastiche: in Consiglio comunale la maggioranza M5S ha bocciato la proposta del Partito democratico presentata proprio perchè “la diffusione del Sars-Cov-2 dipende dalla sua concentrazione, ad esempio nelle aule scolastiche”.

impianti di sanificazione scuola Larino

I democratici chiedevano di installare impianti di purificazione e sanificazione a partire dal prossimo anno scolastico. Ma il Movimento 5 stelle ha deciso di bocciare la proposta scatenando l’ira del Pd.

“Durante il dibattito abbiamo convintamente proposto quelli di ventilazione meccanica controllata (tipologia che sembra essere la più efficace), da installare prima dell’inizio del nuovo anno scolastico. La proposta è stata bocciata poiché ritenuta “inutile”. Questo l’aggettivo usato, in nome della maggioranza, dal presidente 5 stelle della Commissione lavori pubblici”, sottolineano Alessandra Salvatore, Giose Trivisonno, Bibiana Chierchia e Antonio Battista. “Ci saremmo aspettati un si unanime e trasversale, rispetto all’unica possibilità di mettere in sicurezza le aule e, dunque, la didattica in presenza in maniera forse definitiva”. I consiglieri dem hanno ringraziato “i colleghi di minoranza che hanno compreso l’importanza ed il senso del nostro odg e lo hanno votato. Resta l’amaro stupore – concludono – rispetto ad una posizione dei 5stelle, oltre che incomprensibile, contraddittoria e ingiustificabile”.

commenta