Quantcast
Campobasso

Scuole aperte e viabilità in tilt, sindaco e Sea si difendono: “Nevicata così intensa non era prevista”

Dopo le critiche di cittadini e parte dell'opposizione, il sindaco di Campobasso Roberto Gravina replica: "La nevicata è diventata più copiosa quando alunni, genitori, docenti e personale scolastico erano già in movimento per raggiungere le loro scuole. Fermare tutto sarebbe stato rischioso". L'amministratore della società Stefania Tomaro ribadisce: "Utilizzati tutti i mezzi a disposizione"

Il maxi tamponamento in via Conte Rosso è stato il momento più critico della giornata di ieri (1 marzo), quando il capoluogo è stato interessato da una nevicata diventata copiosa intorno alle 7.30, ossia quando tante persone si stavano per mettere in auto per accompagnare i figli a scuola o recarsi sul luogo di lavoro. Circolare sulle strade è stato difficoltoso, hanno raccontato molti cittadini sui social criticando l’amministrazione pentastellata e ricordando le polemiche nate quando il Movimento 5 stelle era all’opposizione e non alla guida del Municipio. Il Pd ha anche presentato un’interrogazione urgente definendo “impreparata la città a gestire l’improvvisa e intensa bufera di neve” e parlato di un “piano neve flop”. 

Il giorno dopo il Comune e la stessa Sea, la società che si occupa dello sgombero neve, si difendono. Il sindaco Roberto Gravina parte dalla viabilità, andata in tilt anche su altre arterie vicine Campobasso: sulla ss 87 (all’altezza dell’ex hotel Le Cupolette) e su Ingotte, come vi abbiamo raccontato, sono dovuti intervenire vigili del fuoco e Polizia stradale.

“Criticità sorte essenzialmente a causa di precipitazioni nevose verificatesi in modo molto più intenso rispetto alle previsioni monitorate nelle 24 ore precedenti”, sottolinea il primo cittadino. Gravina ribatte anche alle accuse mosse da chi avrebbe preferito la chiusura delle scuole: “La decisione di lasciare aperti gli istituti scolastici per la mattinata di martedì 1 marzo è stata presa dall’Amministrazione principalmente facendo riferimento a quelle previsioni che, invece, sono state poi smentite da una nevicata più copiosa e intensa di quanto preannunciato e che si è verificata in un orario nel quale alunni, genitori, docenti e personale scolastico erano già in movimento per raggiungere le loro scuole, per cui, fermare tutto sarebbe stato difficile e si sarebbe corso il rischio di far arrivare gli alunni davanti scuola senza che potessero poi entrare”.

Anche l’amministratore unico della Sea, Stefania Tomaro, esplicita lo sforzo sostenuto dalla Sea che “ha messo in campo tutte le sue forze” per affrontare l’ondata di maltempo. A partire dallo scorso fine settimana 46 mezzi hanno pattugliato tutto il territorio di Campobasso per intervenire tempestivamente. Sono stati utilizzati anche mezzi spargisale.

Invece, ieri mattina, quando le precipitazioni nevose hanno interessato il territorio in modo più intenso rispetto alle previsioni monitorate nelle 24 ore precedenti, la Sea sostiene di essere intervenuta “tempestivamente per garantire la massima capillarità di intervento a partire dalle ore 3.00 della notte, quando sono stati attivati sul territorio comunale 7 mezzi spargisale. Dalle ore 5.20 invece sono entrati in attività tutti i mezzi esterni – trattorie autocarri per il numero totale di 46 operativi – e poco dopo si sono aggiunti 16 bobcat privati e 4 della Sea”. Al lavoro dei mezzi si è aggiunto anche quello di dieci operatori che dalle ore 4 di martedì ha spalato la neve nel centro storico. A questi, dalle ore 8, si sono poi aggiunte altre 27 unità che hanno lavorato fino alle ore 12 ininterrottamente. Tanto è vero, ricordano dalla Sea, “nessuna criticità riscontrata e segnalata dalla Prefettura e di fronte ai naturali disagi derivanti dagli accumuli nevosi”.

“Con gli strumenti a nostra disposizione – puntualizza l’amministratore della società, Stefania Tomaro – abbiamo cercato di garantire il massimo per i cittadini. I nostri mezzi hanno svolto un lavoro capillare sul territorio iniziando da venerdì notte lo spargimento di sale, continuato a oltranza sulle vie principali, secondarie e pedonali e poi con prudenza sulle arterie della città. È stata data molta importanza alla sicurezza, oltre a garantire per la giornata di martedì anche il servizio di raccolta differenziata. Una situazione di emergenza che è stata fronteggiata con esito positivo anche grazie ai cittadini che esortiamo a collaborare sempre con responsabilità e senso civico”. Quindi, un ringraziamento viene rivolto ai cittadini che hanno “evitato di percorrere le strade della città nelle ore di maggiore criticità, quando non strettamente necessario oppure non ostruendo le strade ai nostri mezzi operativi. L’obiettivo di Sea è continuare a migliorare in favore della collettività. Ma non dimentichiamo che il servizio pubblico di rimozione neve ha peculiarità e criticità connesse alla tipologia di servizio e al fatto che le stesse risorse umane coinvolte nella raccolta rifiuti sono altresì esposte a turni di lavoro pianificati per la rimozione della neve. A loro va il mio personale ringraziamento”.

(foto Facebook)

leggi anche
caos neve Campobasso
Campobasso
Maxi tamponamento in via Conte Rosso: sei auto coinvolte. Pd accusa sindaco: “Flop piano neve”
neve auto tir bloccati statale 17
Maltempo
Neve, viabilità in tilt sulle Statali: tir bloccati. Scuole chiuse in numerosi paesi
commenta