Quantcast
La presentazione della tre giorni di milano

Alla Bit coi risparmi degli eventi saltati in pandemia: 100mila euro per lo stand interattivo della Regione

Dal 10 al 12 aprile il Molise sarà alla Borsa internazionale del turismo di Milano. Lo stand che sarà animato da video visibili sulla copertura è costato la metà dell'intero budget della trasferta possibile grazie alla riprogrammazione dei fondi europei che non sono stati spesi negli ultimi due anni per il Covid.

Negli ultimi tre anni il Molise è stato assente alla Borsa internazionale del turismo che si svolge a Milano da oltre trent’anni. “Troppo costosa” diceva l’assessore Vincenzo Cotugno annunciando, nell’estate del 2018, che la Regione non avrebbe preso parte all’edizione 2019 di una delle manifestazioni più importanti del settore. Quest’anno, però, hanno fatto le cose in grande.

Duecentomila euro è la somma riprogrammata dalle economie – cioè i risparmi – delle risorse del Fondo di sviluppo e coesione che negli ultimi due anni, causa pandemia, non sono stati utilizzati e che rischiavano di tornare al mittente, cioè all’Europa. A gennaio del 2022 la giunta di Donato Toma ha dirottato (con delibera numero 2 del 13 gennaio scorso) quelle stesse economie sul viaggio alla Bit di Milano che è stato organizzato dall’Aast di Termoli (Azienda autonoma di soggiorno e turismo).

Comuni, ma anche operatori del settore, hanno risposto alla manifestazione d’interesse avviata nel mesi passati e stamattina nel palazzo Gil di via Milano c’è stata la presentazione dello stand e delle attività correlate all’evento che si svolgerà nel capoluogo lombardo dal 10 a 12 aprile.

“Il Molise si appresta a partecipare alla tre giorni con un approccio diverso dal passato, frutto della consapevolezza di essere riusciti in quasi 4 anni di lavoro a riposizionare l’offerta turistica in ambito nazionale e internazionale” ha detto Donato Toma presente stamane alla conferenza di presentazione. Lavoro che, ha aggiunto, “è stato reso possibile con la valorizzazione delle caratteristiche di autenticità, genuinità, accoglienza del territorio e consolidamento di una ‘destinazione Molise’ riconoscibile, innovativa, sostenibile e attrattiva”.

 

La metà di quelle risorse di cui sopra è stata utilizzata per il padiglione che rappresenterà la nostra regione alla fiera. La società Amtm di Gianclaudio Piedimonte si è aggiudicata la gara pubblica con un ribasso d’asta di appena mille euro (99mila euro) per realizzare uno stand avveniristico di cui lui stesso ci ha fornito i dettagli.

bit stand molise

“Lo stand di 140 metri quadrati si compone di tre elementi: il primo è la copertura superiore che ricorda il carapace di una tartaruga e sul quale verranno proiettati dei video per raccontare il Molise, la sua integrità e le tradizioni. I visitatori lo noteranno dall’alto arrivando da una scalinata che porta al piano inferiore e questo dovrebbe creare un inatteso effetto sorpresa. All’interno ci sarà una lavagna grafica dove, chi vorrà, potrà scrivere dei messaggi che appariranno sul tetto e questo per consentire una interazione tra noi e loro. Il piano basso, che abbiamo chiamato agorà, avrà una seduta circolare con un salice che è l’albero portato dagli emigranti durante i loro viaggi e scelto per la sua capacità di adattarsi a vari ambienti e latitudini. Si usava piantare un ramo nel luogo di destinazione per far nascere una pianta e tenere vivo in questo modo il legame con la terra di origine. Anche qui ci sarà uno schermo olografico attivato da coloro che si avvicineranno all’albero che sarà ‘parlante’. E’ un modo, se vogliamo, per richiamare l’dea di una natura che ci manda dei messaggi agganciati in questo caso alle emozioni. Infine l’area dedicata alla socialità è quella in cui si svolgeranno le degustazioni e le presentazioni dei prodotti tipici della nostra terra”.

I circa 100mila euro spesi per questo gazebo così innovativo sono comprensivi di tutto il lavoro svolto dallo staff della Amtm che ha curato la parte progettuale, i video, l’allestimento e ogni aspetto strettamente legato allo stand.

Un fetta importante della somma stanziata per l’intera trasferta è rappresentata dai costi dell’affitto (siamo intorno ai 35 mila euro per la tre giorni), ci saranno esibizioni dal vivo, cooking show e altre attività che saranno puntualmente riferite dall’Aast di Termoli e  dalla Regione (per la parte istituzionale) mentre ci sarà Agostino Natilli per la Amtm (Natilli è storico collaboratore per la comunicazione dell’assessore all’Agricoltura Nicola Cavaliere e di Forza Italia Molise).

 

commenta