Quantcast
Blitz della polizia

Spacciava eroina in uno scantinato di via Fontanavecchia, 31enne arrestato

Gli uomini di Marco Graziano hanno intercettato il giovane mentre cedeva tre dosi ad altrettanti consumatori del capoluogo. In due sono stati segnalati, il terzo è riuscito a fuggire. Misura cautelare invece per il 32enne che addosso aveva ancora 10 grammi di droga

Era già sotto osservazione: gli uomini di Marco Graziano, capo della squadra mobile, nutrivano da tempo sospetti sull’attività di spaccio di questo giovane campobassano di 32 anni. Che alle spalle ha già precedenti di polizia per lo stesso motivo. Quelli che erano sospetti, sabato pomeriggio, si sono concretizzati in fatti che hanno indotto l’Autorità giudiziaria a disporre la misura cautelare e il giovane è stato arrestato.

Marco Graziano nuovo dirigente Squadra mobile Campobasso

Questi i fatti. Gli agenti dell’Antidroga della questura di via Tiberio erano al lavoro nell’ambito di uno dei numerosi servizi disposti dal questore Giancarlo Conticchio per interventi di prevenzione e repressione in merito ai reati legati al mondo delle sostanze stupefacenti. Una pattuglia stava perlustrando la zona di Fontanavecchia quando l’attenzione degli agenti è caduta sull’andirivieni nei pressi dell’abitazione del 31enne  di alcuni giovani del capoluogo, noti consumatori.

Gli agenti si sono quindi appostati e hanno iniziato ad osservarli notando che si appartavano, con l’arrestato, all’interno di un box delle cantine del palazzo. A questo punto i poliziotti hanno fatto irruzione trovando i due ragazzi in procinto di consumare la droga acquistata mentre l’indagato  sistemava altre dosi confezionate. Un terzo consumatore invece è riuscito a scappare.

A seguito della  perquisizione, gli uomini della polizia hanno trovato altri 10 grammi di eroina (confezionata e divisa in dosi) oltre ad un bilancino di precisione. I due giovani acquirenti, alle domande degli agenti hanno ammesso che erano lì per comprare l’eroina.

Dagli accertamenti successivi, la squadra di Marco Graziano ha accertato che il 31enne aveva allestito nello scantinato un vero e proprio laboratorio e “punto vendita” della droga da lui confezionata, venduta a giovani tossicodipendenti di Campobasso. Si tratta di cantine dislocate in luoghi fatiscenti e abbandonati, strutture che non vengono più utilizzate dai cittadini che vi risiedono per il fatto che sono diventati luoghi destinati esclusivamente allo spaccio ed al consumo di stupefacenti.    Portati in questura, gli acquirenti (un 25enne e un 24enne) sono stati segnalati quali consumatori di sostanze stupefacenti. Mentre per il 31enne è scattata la misura dell’arresto ai domiciliari.

commenta