Quantcast

Le rubriche di Primonumero.it - L'Ospite

La buona/bella misericordia: il battesimo

Più informazioni su

    di don Mario Colavita

    battesimo gesù

    La festa che chiude il tempo di Natale è quella del battesimo del Signore.

    Non ci vuole tanto a capire che in questa domenica tutti i battezzati sono chiamati a ricordare il proprio di battesimo, dono grande di Dio.

    San Paolo scrivendo al giovane discepolo Tito conferma che Cristo ci ha salvati, non perché noi siamo buoni e belli ma per la sua bella e buona misericordia: “ci ha salvati, non per opere giuste da noi compiute, ma per la sua misericordia, con un’acqua che rigenera e rinnova nello Spirito Santo” (Lettera a Tito 3,5), la salvezza è dono della bontà e della misericordia di Dio. La salvezza è pertanto comunicata da Dio ai credenti come dono gratuito, per mezzo del segno sacramentale del battesimo.

    Il battesimo è un segno esteriore che esprime la purificazione interiore del credente e gli comunica la grazia per vivere quella vita nuova che deve caratterizzare quanti sono stati redenti da Gesù Cristo.

    In tal senso, il battesimo diventa la porta della fede e della vita cristiana: incorporato nella morte e risurrezione di Gesù mediante il lavacro battesimale, il credente partecipa della salvezza che scaturisce dall’evento pasquale di Cristo.

    Il vangelo di Luca ci aiuta a comprendere questa seconda epifania: Gesù è ri-conosciuto come Figlio amato, è lui il messia atteso.

    Immergendosi nelle acque del fiume Giordano, Gesù si immerge nella morte per liberarci dalla morte e donarci la vita nuova.

    Il cielo si apre a significare che il tempo di Dio è compiuto, Dio si fa presente e vicino attraverso il Figlio, l’amato.

    Nel battesimo di Gesù la chiesa rinnova la sua fedeltà, rinnova la vita e l’impegno a crescere nella fede e nella testimonianza.

    Il battesimo oggi più che un rito è un impegno di vita, è una confessione di verità e libertà in cui ri-scopriamo la bellezza di essere figli amati.

    Ri-scoprire la fede battesimale vuol dire amare la Chiesa che nasce da un profondo senso di responsabilità.

    Più informazioni su