Quantcast
Termoli

Grave incidente in fabbrica chimica: operaio resta col braccio impigliato nel tornio

L'uomo è stato trasferito con la massima urgenza all'ospedale San Timoteo per le lesioni e le fratture riportate a uno degli arti superiori, finito in un tornio. E' accaduto questa mattina in una delle aziende chimiche del nucleo industriale di Termoli, dove l'uomo, 55 anni, lavora con mansioni di responsabilità. In corso tutti gli accertamenti diagnostici da parte dei sanitari (probabile un intervento chirurgico) e quelli delle Forze dell'Ordine per ricostruire la dinamica

Dovrà essere sottoposto a un delicato e complesso intervento chirurgico il 55enne di Termoli che questa mattina (26 gennaio) è rimasto vittima di un brutto infortunio sul lavoro alla azienda chimica Fis, all’interno del nucleo industriale Valle del Biferno.

L’uomo ha riportato una ferita molto estesa in seguito all’incidente: un braccio è rimasto impigliato nel tornio dell’officina nella quale stava lavorando, con mansioni di responsabilità. Ma soprattutto l’operaio ha riportato una frattura complessa e scomposta di radio e ulna.

I medici del pronto soccorso di Termoli, dove l’infortunato è stato portato in urgenza dai mezzi 118 su richiesta della stessa azienda e degli operai che erano con lui, sono riusciti a rimettere in sede il braccio, che rischiava di essere strappato via. Medicate anche le profonde ferite riportate e tamponata l’emorragia. La mobilità della mano è stata per il momento salvata, ma è necessario un intervento chirurgico per ripristinare la funzionalità dell’arto e per garantire la vascolarizzazione.

L’uomo è stato ricoverato nel reparto di ortopedia del San Timoteo di Termoli.

Sono in corso accertamenti anche da parte delle forze dell’ordine finalizzati a ricostruire la dinamica di quanto accaduto.

 

commenta