Quantcast
La dichiarazione

Gigafactory, Tavares al Corriere della Sera: “Su Termoli stiamo ancora trattando col Governo”

Il Ceo di Stellantis frena sulla realizzazione della fabbrica di batterie e in un'intervista al Corsera spiega che le trattative col Governo non sono concluse. Sconcerto e preoccupazione fra i lavoratori

L’amministratore delegato di Stellantis Carlos Tavares ha affermato al Corriere della Sera che per la Gigafactory di Termoli le trattative con il Governo italiano sono ancora in corso, quindi non sono concluse.

Le sue parole stanno suscitando reazioni di sconcerto e sorpresa poiché dopo l’annuncio da parte di Stellantis durante la scorsa estate la realizzazione della Gigafactory sembrava cosa fatta e si attendeva solo il Piano industriale, che verrà svelato il 1 marzo prossimo, per conoscere i dettagli. Adesso improvvisamente arriva quello che sembra una brusca frenata.

Le dichiarazioni del Ceo di Stellantis arrivano dalle pagine del Corriere della Sera in un’intervista rilasciata al giornalista economista Federico Fubini e pubblicata dal maggiore quotidiano nazionale italiano anche sulla sua edizione on-line oggi 18 gennaio 2022. Nell’intervista Tavares risponde a varie domande riguardo la transizione ecologica, la produzione di auto elettriche, i risultati del primo anno dopo la fusione Fca-Psa e la visione a lungo termine del gruppo.

Nella stessa intervista Tavares dichiara di ritenere probabile che la crisi dei semiconduttori si protrarrà ancora. “Questa crisi durerà almeno fino alla fine dell’anno” le sue parole. “A partire dall’estate, nuova capacità di produzione creata nel mondo inizierà a riportare equilibrio tra domanda e offerta”.

Il manager portoghese ha quantificato poi l’impatto globale della crisi dei microchip nel 15-20% sui volumi di produzione automobilistica.

Ma è la domanda riguardo alle fabbriche di costruzione di batterie che sta facendo scalpore in Molise. “Al momento, ciò che è deciso è una Gigafactory in Francia, un’altra in Germania e stiamo negoziando con il Governo italiano, a Termoli, ma non abbiamo ancora concluso”. Parole che chiaramente non possono passare inosservate e in queste ore sono proprio i dipendenti Fiat i più preoccupati da queste dichiarazioni.

tavares corriere della sera

Pochi mesi fa l’azienda aveva annunciato di voler realizzare a Termoli una delle sue cinque fabbriche di batterie del mondo proprio in Molise. Lo stesso direttore dello stabilimento Davide Guerra lo aveva confermato pubblicamente durante il festival del Sarà a Termoli lo scorso settembre.

Adesso resta da capire cosa c’è dietro questa dichiarazione e a cosa porteranno le negoziazioni in atto col Governo Draghi. Possibile che dietro ci sia una trattativa che riguarda anche i fondi del Pnrr che verranno stanziati per insediamenti industriali riguardanti proprio la transizione ecologica. Secondo le ultime notizie che erano state rese pubbliche dallo stesso Gruppo Stellantis, il Piano Industriale dovrebbe essere svelato all’inizio di marzo 2022. Gran parte dei lavoratori dello stabilimento metalmeccanico di Rivolta del Re si trovano in cassa integrazine.

leggi anche
Fiat stellantis stabilimento fabbrica
In arrivo altra cig
Posti di lavoro e Gigafactory, Stellantis svelerà il Piano industriale entro marzo
Fiat stellantis stabilimento fabbrica
Futuro automotive
Crisi dei microchip frena transizione ecologica: “Stellantis faccia chiarezza su Gigafactory”
Fiat stellantis stabilimento fabbrica
Futuro fiat
Gigafactory a Termoli, dal Governo i fondi del Pnrr. E la Sevel non finirà in Polonia
Fiat stellantis stabilimento fabbrica
L'annuncio
Fiat di Termoli produrrà batterie per auto elettriche: in Molise terza Gigafactory d’Europa
Consiglio comunale Termoli 4 novembre
Discussione in consiglio
Gigafactory a Termoli, si sveglia la politica locale: la maggioranza chiede a Roberti di pressare Draghi e Toma
consiglio comunale stellantis confronto sindaco sindacati
La seduta
Gigafactory Stellantis a Termoli, sì unanime in Consiglio. “Trovare intesa tra politica e azienda”
Fiat stellantis stabilimento fabbrica
I timori e le richieste
Gigafactory, Governo sotto accusa: “Se tradisce Termoli uccide l’industria dell’auto”
commenta