Quantcast
Isernia

Furti in appartamenti e negozi, i Carabinieri beccano sei persone

Quattro persone sono state individuate a bordo di un'auto dopo aver tentato un furto a Colli a Volturno ed essere state messe in fuga dal proprietario. La videosorveglianza decisiva per smascherare il furto messo in atto da due donne in un esercizio commerciale di Isernia.

Sei persone beccate dai carabinieri della Compagnia di Isernia per tentativi di furti in abitazione e per un furto in un negozio del capoluogo pentro. In particolare, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile nella giornata di ieri, 25 gennaio, sono riusciti ad intercettare alla periferia della città un’autovettura con a bordo quattro persone.

Poco prima avevano tentato un furto in un’abitazione ma erano state sorprese dal proprietario di un’abitazione di Colli a Volturno mentre provavano a forzare la porta di accesso che avevano raggiunto aprendo un cancello esterno della proprietà.

L’uomo aveva subito allertato il 112 indicando il modello di auto su cui si erano allontanate velocemente. Le immediate ricerche concentrate sulle principali direttici hanno consentito di individuare l’auto in fuga che è stata intercettata dai militari della sezione radiomobile. La perquisizione del mezzo ha consentito di ritrovare all’interno del cofano un grosso martello, un lungo cacciavite, una torcia elettrica, guanti di gomma e numerose chiavi per porte di vari modelli, tutto materiale sottoposto a sequestro unitamente all’autovettura, peraltro priva di copertura assicurativa.

Il conducente è stato sanzionato per essere sprovvisto di patente di guida poiché revocata. Sul conto di tre dei prevenuti risultano numerose segnalazioni per reati contro il patrimonio e per questo è stato disposto il foglio di via obbligatorio, con divieto di ritorno nel Comune di Colli a Volturno.

Inoltre, i militari della Stazione di Isernia, indagando su un furto di abbigliamento in un esercizio commerciale, dopo aver estrapolato le immagini dal sistema di videosorveglianza hanno confrontato i volti delle due autrici con quelli in possesso dell’Arma sottoponendoli all’attenzione degli addetti alle vendite che le hanno riconosciute senza alcun dubbio. Le due donne sono state segnalate alla competente autorità giudiziaria per il reato di furto aggravato in concorso.

commenta