Quantcast

L'Ospite

L'ospite

Dalla cultura dell’odio alla cultura dell’amore

27 Gennaio, Giornata della Memoria

A pochi giorni dal celebrare la giornata della memoria, un bambino viene preso a calci e sputi da due ragazzine di 15 anni. Vengono inoltre pronunciate parole crudeli: “Ti mettiamo nel forno”.
Sprazzi nazisti e violenti, dopo 77 anni l’Italia non riesce ancora ad essere una nazione unita, libera dal pregiudizio e dall’istinto di superiorità dell’ego.

Cito una frase di Elisa Springer:
“Oggi più che mai, è necessario che i giovani sappiano, capiscano e comprendano: è l’unico modo per sperare che quell’indicibile orrore non si ripeta, è l’unico modo per farci uscire dall’oscurità”.
Sembra che la luce sia ancora troppo piccola per illuminare i nostri giovani che inciampano in brutture come queste.

Mi chiedo: “Cosa c’è che non va? Cosa ci porta a soffermarci ancora sulla cultura dell’odio?”
E soprattutto cosa spinge due ragazzine, in tenera età, due adolescenti a pronunciare parole e gesti così forti, crudeli e spietati?
Queste domande ce le dobbiamo porre tutti noi italiani.
I bambini, i ragazzi sono lo specchio della famiglia, imitano e imparano dai loro cari, ripetono parole sentite nel loro ambiente familiare.
Queste mie parole non vogliono avere affatto un tono accusatorio, ma un “grido” di riflessione.

Abbiamo il dovere morale ed etico di insegnare ai nostri figli, ai nostri nipoti e ai nostri studenti che siamo tutti uguali. Non esistono razze superiori, non esistono bianchi o neri, non esistono gli stranieri, non esistono disabili e normali, non esistono belli e brutti e neanche grassi e magri, esistono le persone alle quali non bisogna mai rubare la dignità.
Dobbiamo riflettere sul ruolo della famiglia, educare alla cultura dell’amore e non dobbiamo permettere che i nostri ragazzi, la speranza del domani, il nostro futuro, cadano nel circuito dell’odio.
Il futuro è figlio della costruzione, l’odio distrugge!

Nicoletta Emola Bartollino
Componente Direzione Circolo PD Termoli “Nilde Iotti”
Delegata Conferenza Donne Democratiche Molise

commenta