L'iniziativa a guglionesi

5mila euro ‘risparmiati’ dagli amministratori diventano borse di studio per 17 studenti

"Ricevi questo premio per i risultati ottenuti nel corso di un anno scolastico che, a causa della pandemia, ricorderemo a lungo per le tante difficoltà che tutti stiamo cercando ancora e a fatica di superare, un anno nel quale anche studiare è risultato particolarmente difficile. Non è una grande somma, ce ne rendiamo conto, ma reputiamo sia un gesto molto importante e di grande significato"

17 studenti ‘meritevoli’ di Guglionesi verranno premiati con una borsa di studio in denaro, resa possibile dal taglio delle indennità amministrative di Sindaco e Giunta. Un piccolo contributo, di 290 euro per ognuno di loro, che però assume un grande valore simbolico alla luce di tutto ciò che la pandemia ha tolto ai cittadini di domani. 

Ne è ben consapevole l’Amministrazione guidata da Mario Bellotti. Lo si evince dalla lettera che ha accompagnato la comunicazione ai 17 allievi, che si sono distinti per merito e profitto nel rendimento scolastico.

Consiglio comunale Guglionesi

Caro Studente,

Con questa lettera abbiamo il piacere di comunicarti che sei stato premiato con una borsa di studio in denaro di 290 euro perché sei risultato tra coloro che hanno conseguito la più alta valutazione attribuita dai docenti dell’Omnicomprensivo del Comune di Guglionesi alle Tue prestazioni scolastiche, nei vari ambiti dell’apprendimento, delle conoscenze, delle capacità e del comportamento riscontrati nel corso dell’anno scolastico 2020/2021.

Invero, questa Amministrazione mette a disposizione degli studenti della nostra scuola una somma di € 5.000, da dividere tra gli studenti più meritevoli. Tra questi, quest’anno, ci sei anche Tu.

Ricevi questo premio per i risultati ottenuti nel corso di un anno scolastico che, a causa della pandemia, ricorderemo a lungo per le tante difficoltà che tutti stiamo cercando ancora e a fatica di superare, un anno nel quale anche studiare è risultato particolarmente difficile.
La chiusura delle aule scolastiche, infatti, con conseguente perdita di competenze, è stata compensata solo in parte dalla didattica a distanza e ha costretto i ragazzi a rinunciare all’interazione quotidiana con i coetanei, una perdita incalcolabile di esperienze e di confronto umano.

Non è una grande somma, ce ne rendiamo conto, ma reputiamo sia un gesto molto importante e di grande significato.
E’ una somma frutto delle rinunce alle indennità spettanti per legge al Sindaco e ai componenti della Giunta Comunale, che noi, invece, abbiamo voluto devolvere agli studenti meritevoli che frequentano il nostro Istituto scolastico.

Abbiamo fatto dell’art. 34 della Costituzione Italiana il nostro faro; l’istruzione, lo studio e, dunque, la scuola non è solo un diritto di tutti i cittadini, ma è anche un dovere da parte dello Stato e un pilastro basilare del nostro mandato elettorale, un obiettivo di fondamentale importanza per rendere migliore la nostra Comunità.
Come un ospedale cura il corpo, la scuola cura la mente e chi governa un Paese deve avere la massima attenzione per entrambi questi aspetti, in egual modo.

Nelson Mandela diceva che “l’istruzione è l’arma più importante per cambiare il mondo. È grazie all’educazione che la figlia di un contadino può diventare medico, il figlio di un minatore il capo miniera o un bambino nato in una famiglia povera il presidente di una grande nazione.”.
Ecco, noi ti auguriamo un futuro ricco di soddisfazioni.

Le nostre più vive congratulazioni

Il Sindaco e la Giunta Comunale

 

Una “comunicazione di congratulazioni” cui seguirà una cerimonia di consegna del premio, da programmare prossimamente.

commenta