Quantcast
Il bollettino

21 gennaio – Muore un 80enne, 2 ricoveri e una dimissione. Posti letto occupati, Molise sotto la media

Deceduto in Malattie Infettive un 80enne di San Felice del Molise in una settimana che continua a far registrare vittime. Attualmente positivi superano quota 9mila

Ieri in Molise un decesso, 2 ricoveri, 1 trasferimento in reparto non Covid, 482 contagi e 481 guariti.

Il Molise registra un altro decesso oggi, oltre a due ingressi e una uscita dal Cardarelli per Covid. Sono 415 i nuovi positivi, 353 i guariti.

ANCORA UN DECESSO

Un uomo di 80 anni di San Felice del Molise ha perso la vita oggi nel reparto Covid di Malattie infettive all’ospedale Cardarelli di Campobasso. Purtroppo la settimana in corso si conferma molto negativa in termini di perdite di vite umane a causa delle conseguenze della malattia provocata dal virus Sars-Cov-2. Il decesso di oggi allunga la lista delle vittime covid in Molise a quota 548 secondo il conto di Primonumero.it.

IL BOLLETTINO DEL 21 GENNAIO

LA SITUAZIONE IN OSPEDALE

Al Cardarelli di Campobasso ci sono oggi due nuovi ingressi, di pazienti provenienti da Campomarino e Sesto Campano. In compenso la dimissione di un paziente di fuori regione, precisamente di Palermo. Attualmente le persone ricoverate all’ospedale di Campobasso sono 19, delle quali 18 in malattie infettive e solo 1 in Terapia intensiva. I 19 ricoverati – come si evince dal bollettino Asrem – sono 9 non vaccinati, 5 con dose unica o due dosi e altri 5 anche con terza dose di vaccino.

bollettino 21 gennaio 2022

OLTRE 9MILA MOLISANI COL VIRUS

Il numero delle persone risultate positive al tampone è oggi di 415. Ben 346 arrivano da test antigenici e solo 69 da test molecolari. Proprio i test molecolari sono stati 1.160 i tamponi refertati con un tasso di positività del 5,9%. È alto tuttavia anche il numero dei guariti che sono oggi 353 ma gli attualmente positivi sfondano quota 9mila e arrivano a 9.036. Di questi solo 0,21% è ricoverato in ospedale.

IL MONITORAGGIO: INCIDENZA STABILE E LIEVE FLESSIONE DELLE TERAPIE INTENSIVE. OSPEDALIZZAZIONI IN MOLISE MOLTO SOTTO LA MEDIA

L’incidenza del contagio conferma la sua stabilizzazione, passando da 1988 casi ogni 100mila abitanti a 2011: è quanto emerge dal consueto report settimanale di Iss e Ministero della Salute. Scende anche l’Rt, l’indice di trasmissibilità sui casi sintomatici, che passa da 1.56 a 1.31.

Da rilevare la lieve decrescita del tasso di occupazione in Terapia intensiva: era 17.5% il 13 gennaio, è 17.3% il 20 gennaio. Un segnale piccolo ma emblematico. Cresce invece ancora un po’ il tasso di occupazione nelle aree mediche: da 27.1% (13 gennaio) a 31.6% (20 gennaio).

Ad oggi il tasso medio nelle Terapie Intensive è al 18% (dato Agenas) ma in Molise è al 3%. Nei reparti non critici invece queste percentuali sono 30% (media italiana) e 10% (in Molise). La nostra regione dunque è abbondantemente sotto la media nazionale e altresì sotto le soglie cosiddette critiche.

Per quanto riguarda il livello di rischio, 7 tra regioni e province autonome risultano a rischio ‘alto’ mentre le restanti 11 sono classificate a rischio ‘moderato’. 4 regioni (Abruzzo, Friuli Venezia-Giulia, Piemonte e Sicilia) passeranno dalla prossima settimana in zona arancione. Puglia e Sardegna invece passeranno in giallo. Il Molise resta bianco.

I DATI NAZIONALI

A livello nazionale oggi è in leggerissima risalita il numero dei posti letto occupati in terapia intensiva (+9, ieri +10), viceversa sono finalmente in calo i ricoveri ordinari (-174, ieri +159). Purtroppo ancora molto alto il numero dei decessi: ben 373 (385 giovedì). I casi positivi sono stati 179.106 su 1.117.553 tamponi per un tasso di positività del 16%.

commenta