Quantcast
Campobasso

La ‘sbornia’ simulata in 3D sconcerta i ragazzi, più delle ramanzine: “Un horror”

Francesco Meleca, direttore Ac Molise, sottolinea una delle mission fondamentali dell’Automobile Club: responsabilizzare i più giovani alla guida sicura. Li conduce “per mano” nei pericoli a cui vanno incontro se guidano ubriachi o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e finora i risultati sono sorprendenti

Quando indossano gli occhiali 3D che li porta dal grado più basso a quello più alto di alterazione psicofisica, restano sconcertati. Increduli. Camminano e barcollano lungo il percorso appositamente organizzato. Molti hanno finanche un senso di nausea e uno stordimento fisico, non riescono ad afferrare gli oggetti che chi li conduce prova a passargli. Si sentono ko. E quando tolgono quegli occhiali che li scaraventa nel mondo dell’abuso di alcol e droghe hanno da subito lo sguardo consapevole degli effetti devastanti.

Aci

Una battaglia di consapevolezza che l’Automobile Club Italia sta conducendo con tutti i giovani delle scuole: “perché loro sono gli automobilisti di domani – spiega Francesco Meleca, direttore di Ac Molise – e dunque prima ancora che si mettano alla guida è giusto che acquisiscano e quindi immagazzinino le consapevolezze dei rischi e la necessaria conoscenza di regole e comportamenti corretti per una guida sicura. Per loro stessi e per gli altri”.

L’educazione stradale e la formazione alla mobilità sicura e sostenibile sono finalità istituzionali pubbliche previste dallo Statuto dell’Aci, negli anni si è quindi rafforzata la collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, con il quale sono stati stipulati numerosi Protocolli d’Intesa per rafforzare ed estendere gli ambiti d’intervento comuni, per promuovere tra gli studenti i temi della sicurezza e sostenibilità della mobilità al fine di ridurre gli incidenti e incentivare lo sviluppo della mobilità inclusiva e della guida responsabile.

Non soltanto scuole superiori: “I nostri moduli di intervento – spiega infatti Francesco Meleca – ci consentono di entrare anche nelle scuole dell’infanzia con una serie di azioni mirate per ogni età. Perché quello che si apprende sin da piccoli è un patrimonio che poi non va più via. I bambini lo conservano e lo trasmettono anche agli adulti”.

L’Automobile Club mette a disposizione le proprie conoscenze e competenze  per raggiungere i risultati programmati in quella che è una vera e propria mission. “Esiti favorevoli che non mancano – racconta Meleca – Gli adolescenti, per esempio, quando sono chiamati ad interagire praticamente con i nostri simulatori restano senza parole. Da quel momento si apre un mondo nuovo, fino ad allora sconosciuto e quindi si lasciano ad andare a molteplici domande perché a quel punto vogliono sapere tutto. Siamo soddisfatti dei risultati raggiunti finora ma è chiaro che il nostro obiettivo è quello di incontrare gli studenti di tutte le scuole della regione per una collaborazione fattiva che punta soltanto al bene dei nostri ragazzi”.

L’obiettivo dell’Ac Molise è quello di sensibilizzare tanto i bambini quanto i ragazzi sui rischi che derivano dai comportamenti sbagliati alla guida. Una sorta di lezione sulla cultura della legalità alla guida, della prevenzione e della promozione dei corretti stili di vita.

commenta