Quantcast

Tornano le Giornate Fai d’Autunno, eventi a Termoli e Casacalenda foto

Tornano le Giornate Fai d’Autunno, e tornano anche in Molise. I Giovani del FAI, con il supporto di tutte le Delegazioni, i Gruppi FAI e i Gruppi FAI Ponte tra culture, propongono per sabato 16 e domenica 17 ottobre la decima edizione delle Giornate d’Autunno con visite in 600 luoghi solitamente inaccessibili o poco noti in 300 città d’Italia tra cui 42 luoghi del Ministero della Difesa, dello Stato Maggiore della Difesa e delle Forze Armate, aperti in occasione del centenario del Milite Ignoto.

Torna dunque la grande festa delle Giornate FAI, la più importante manifestazione di piazza dedicata al nostro patrimonio artistico e culturale. Con energia, coraggio, voglia di fare, di migliorare e migliorarsi, di condividere e soprattutto con una passione travolgente per il nostro Paese, oltre 5.000 tra delegati e volontari FAI sono pronti a far innamorare tutti gli italiani dell’Italia. L’opportunità, ogni anno nuova e diversa, per accostarsi a un patrimonio smisurato e policromo, raccontato per l’occasione con l’entusiasmo contagioso di tutti i giovani che sposano la missione culturale del FAI: diffondere e coltivare la consapevolezza che l’Italia custodisce tesori inestimabili, fondamento dell’orgoglio che ogni cittadino prova davanti all’eccezionale bellezza del Paese e solida base su cui costruire la prosperità del futuro. Le Giornate FAI sono, dunque, un incontro sentimentale, un abbraccio collettivo tra i visitatori e l’ambiente che li circonda, prodigo di natura, arte e storia. In una parola: cultura.

Il catalogo dei luoghi visitabili è, come di consueto, amplissimo così come tantissime sono le tipologie rappresentate: dai complessi religiosi ai palazzi, dai castelli alle aree archeologiche, dai piccoli musei ai parchi e giardini storici, e ancora borghi, aree naturalistiche, luoghi produttivi e molto altro. Inoltre, in occasione del centenario della traslazione della salma del Milite Ignoto, il Ministero della Difesa, lo Stato Maggiore della Difesa e le Forze Armate concederanno l’accesso straordinario in 42 loro luoghi-simbolo di significativa importanza storica e istituzionale.

Tutti i visitatori potranno sostenere il FAI. È infatti suggerito un contributo non obbligatorio di 3 euro. La donazione online consentirà, a chi lo volesse, di prenotare la propria visita, assicurandosi così l’ingresso nei luoghi aperti dal momento che, per rispettare la sicurezza di tutti, i posti saranno limitati. Chi lo vorrà potrà anche iscriversi al FAI online oppure nelle diverse piazze d’Italia durante l’evento. Agli iscritti saranno dedicate aperture speciali. Prenotazione online consigliata (salvo diverse indicazioni segnalate sul sito) su www.giornatefai.it; i posti sono limitati. N.B. il programma potrebbe subire variazioni. La realizzazione dell’evento nelle singole regioni dipenderà dal loro colore nella settimana dell’11 ottobre.

Le aperture previste in Molise sono due: a Termoli e Casacalenda

TERMOLI – Percorso sotterraneo

Visite sabato 16, dalle ore 15 alle 17.30, e domenica 17 ottobre, dalle ore 10.00 alle 12 e dalle 15 alle 17.30

Termoli Sotterranea è un percorso espositivo a cinque metri di profondità nel ventre di Termoli inaugurato nel dicembre 2018. L’itinerario di Giornate FAI propone un vero e proprio viaggio nel passato alla scoperta del nucleo antico della città che si snoda tra stanze risalenti al periodo medievale e poi riutilizzate lungo i secoli, come la Torre difensiva del Palazzo Vescovile, danneggiata dal tremendo terremoto del 1456 quindi adibita a cisterna; il tragitto prosegue nelle rimesse in cui si possono ammirare vari e preziosi reperti rinvenuti fortuitamente durante lo scavo della primissima stanza denominata “Magazzino del 1200”. Degni di nota tra questi reperti sono i capitelli risalenti al cantiere federiciano (XIII secolo) della attigua Cattedrale – uno dei principali monumenti del Molise – che conserva le reliquie di San Timoteo, qui nascoste dopo essere state recuperate a Costantinopoli durante la quarta crociata. Il tour sotterraneo termina nella suggestiva zona cimiteriale con tombe antichissime, dove si respira aria di mistero e devozione. Prenotazione obbligatoria.

CASACALENDA – Convento Eremo di Sant’Onofrio

Visite sabato 16, dalle ore 10 alle 13, e domenica 17 ottobre, dalle ore 10 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 17.30

Il Convento sorge in posizione isolata fuori dal centro abitato di Casacalenda. Edificato nel 1407 da Padre Giovanni da Stroncone, in onore di Sant’Onofrio Anacoreta (vissuto nel V secolo d.C.), nel 1594 passò dagli Osservanti ai Frati Minori Riformati. Fu compreso nelle soppressioni del periodo murattiano prima (1809) e in quelle dello Stato poi (1866); solo agli inizi del Novecento il convento venne riacquistato e divenne di proprietà dei Frati Minori che lo abitano ancora oggi. Dopo la Seconda Guerra Mondiale è stato restaurato e ampliato con la costruzione di una nuova ala destinata all’accoglienza di gruppi ecclesiali per ritiri ed esercizi spirituali. La Chiesa di Sant’Onofrio è parte integrante dell’omonimo Convento. Divisa in due navate con una balaustrata in pietra scolpita che divide la navata laterale dalla cappella absidale, ospita al suo interno opere di notevole pregio: l’altare maggiore in marmi policromi collocato sotto un vasto arco, un pulpito ligneo riconducibile al XVIII secolo, due cori lignei della prima metà dello stesso secolo, oltre a dipinti su tela e affreschi di età barocca. Annesso alla Chiesa c’è un chiostro sulle cui pareti sono ancora presenti tracce di affreschi rinascimentali. In occasione delle Giornate FAI verranno proposte visite alla scoperta del convento e delle sue particolarità, che toccheranno anche l’antico chiostro e il refettorio.