Quantcast

Sinodo, la chiesa di Termoli-Larino apre la fase diocesana foto

Più informazioni su

Domenica 17 ottobre si è svolta nella chiesa di San Francesco a Termoli la solenne celebrazione di apertura della fase diocesana del Sinodo indetto da Papa Francesco.

La santa messa è stata presieduta dal vescovo, Monsignor Gianfranco De Luca. Ogni parrocchia della diocesi è stata invitata a inviare una propria rappresentanza, con la presenza di una famiglia, alla celebrazione comunitaria.

L’apertura del Sinodo dei Vescovi del prossimo ottobre 2023 (quando si terrà la vera e propria Assemblea generale ordinaria dei vescovi in Vaticano) è avvenuto sia nella Santa Sede sia in ciascuna diocesi. Il cammino è stato inaugurato dal Papa in Vaticano il 9 e il 10 ottobre, mentre domenica 17 ottobre ogni vescovo, come avvenuto a Termoli, lo ha aperto nella propria diocesi.

La celebrazione eucaristica è stata accompagnata da alcuni gesti significativi: l’intronizzazione della Parola e di un’icona che rappresenta la Vergine Maria e i Santi patroni e compatroni della diocesi: San Basso, San Pardo, San Timoteo e i Santi Martiri Larinesi Primiano, Firmiano e Casto. Accanto all’icona è stata posta, da parte di una famiglia, una lampada personalizzata con il logo del Sinodo.

Questi gesti – ha spiegato il vescovo De Luca – si intonano realmente con un cammino sinodale da vivere sotto la luce del Vangelo accompagnati dalla Vergine Maria e dai nostri santi. La Parola di Dio sia la guida di questo tempo; impariamo a frequentarla e contemplarla ogni giorno a livello personale e comunitario come, ad esempio, siamo abituati a recitare la preghiera rosario. Così come abbiamo la corona in mano – ha aggiunto – dovremmo avere almeno il Vangelo dentro le nostre borse e le nostre tasche come popolo di Dio che cammina insieme”.

Monsignor De Luca ha invitato tutti i sacerdoti a rinnovare questo momento in ogni parrocchia della diocesi donando ai parroci una lampada realizzata per l’occasione e da accendere davanti alla Parola; in particolare, quelle custodite da don Bruno Buri sono state consegnate ai sacerdoti di Termoli in ricordo del sacerdote scomparso di recente.

sinodo diocesi termoli-larino

Un sinodo che parte dal basso e dall’ascolto, come indicato da Papa Francesco. Al termine della santa messa il vescovo ha così voluto lanciare un’altra iniziativa dedicata alla famiglia: la peregrinatio di un’icona della Santa Famiglia tra le famiglie della diocesi per raccogliere, di casa in casa, considerazioni, proposte e riflessioni per un cammino da fare insieme.

Un’immagine speciale pensata, concepita da persone, ha osservato monsignor De Luca, che hanno vissuto “il dramma di una famiglia sfasciata, di una famiglia ricostruita, di una famiglia che cammina alla luce del Signore in cui emergono sia la fragilità dell’uomo ma anche la grazia di Dio che non abbandona mai nessuno di noi e nessuna famiglia”.

Più informazioni su