Quantcast

Scoperta officina abusiva a Colletorto. Bifernina, auto sequestrate e denunce per armi e alcol

Più informazioni su

A Colletorto i carabinieri hanno controllato un’officina risultata del tutto abusiva nell’ambito dei controlli che la Compagnia di Larino sta facendo in Basso Molise, con una stretta che ha interessato sia l’abusivismo nell’ambito dell’esercizio di attività commerciale e sia le infrazioni al codice della strada, considerate “vera e propria piaga delle principali arterie del Molise”. Ancora una volta sono emerse gravi irregolarità nell’ambito del lavoro, altamente pericolose soprattutto per chi esercita. 

All’interno dell’officina, infatti, i militari hanno rinvenuto estirpatori, frangizolle, saldatrici a filo, compressori e quanto necessario per la costruzione e la realizzazione di attrezzi agricoli. Una vera e propria officina ma non autorizzata. Già in passato, infatti, in forza a un’ordinanza comunale, al “titolare” era stato intimato di regolarizzare i locali che, al controllo dei carabinieri, risultavano ancora privi di autorizzazioni.

E’ scattata quindi subito una denuncia a piede libero nei confronti del l’uomo che ora  dovrà rispondere di inosservanza all’art. 17 comma 2 del T.U.L.P.S..In tale ambito – precisano i carabinieri – i controlli sulla sicurezza sul lavoro risultano fondamentali e si incardinano sulla prevenzione e sulla protezione, laddove la prevenzione è  rappresentata dalle misure previste per evitare che si verifichi un evento dannoso e  la protezione dalle misure previste per limitare le conseguenze di un evento dannoso  che si verifica”. 

carabinieri bifernina

La Compagnia di Larino ha controllato poi numerosi automobilisti sulla Bifernina: scattate sanzioni per infrazioni al codice della strada e sequestrate tre auto poiché senza alcuna copertura assicurativa. Sulla SS 647, dopo un incidente tra due autovetture, i militari hanno sottoposto entrambi gli automobilisti all’etilometro verificando che uno dei due aveva un tasso alcolico di quasi quattro volte superiore a quello previsto. Per lui ritiro della patente di guida e il sequestro del veicolo con finalità di confisca, oltre ad una multa salatissima.


Denuncia infine per due giovani che viaggiavano in auto armati di coltelli.
A Colletorto uno dei due, incurante del divieto di portare al seguito senza un  giustificato motivo armi da taglio, è stato sorpreso dai militari mentre nascondeva nel cruscotto della propria auto ben due coltelli, di cui uno a scatto. L’altro, invece, a Guardialfiera, già noto alle forze dell’ordine, è stato pizzicato mentre viaggiava a bordo della propria auto con un coltello dalla lama di ben sette centimetri.

Più informazioni su