Quantcast

7 ottobre – 9 positivi, ricoveri stabili. 7mila terze dosi fatte in Molise

Due positivi a Petacciato e altri sette nella provincia di Isernia dai dati Covid di oggi, con cinque guariti e nessuna novità sul fronte ospedaliero. Sale il numero delle dosi addizionali ma per Gimbe sono ancora poche

Due nuovi positivi a Petacciato, altri 7 distribuiti nella provincia di Isernia, tra la città pentra, Frosolone, Fornelli e Sant’Angelo del Pesco. E’ quanto emerge dai 503 tamponi molecolari refertati (tasso di positività dell’1,8%) nel bollettino dell’Asrem di oggi 7 ottobre. Al netto dei 5 guariti odierni sono 101 gli attuali positivi, 3 dei quali ricoverati al Cardarelli dove gli ingressi in ospedale sono stabili da tre giorni.

bollettino 7 ottobre

TERZE DOSI DI VACCINO, GIMBE: “VANNO A RILENTO”. IN MOLISE VERSO QUOTA 7MILA

La Fondazione Gimbe, nel suo ultimo report relativo alla settimana 29 settembre-5 ottobre, chiede di far presto con il richiamo booster di vaccino. E argomenta: “Vanno a rilento le terze dosi, siamo al 2.4% su una platea di 7.6 milioni di persone”.

Nella nostra regione il numero complessivo di terze dosi si avvicina a quota 7mila. Di questi sono oltre 5.300 i soggetti ultra ottantenni ad averla ricevuta.

MAPPA EUROPEA SUI CONTAGI, L’ITALIA SEMPRE PIU’ VERDE (MOLISE COMPRESO)

mappa ecdc 7 ottobre

Un’Italia che si colora sempre più di verde (e che quindi ha minore incidenza di contagi) nella mappa europea dell’Ecdc, il centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie, che rileva l’incidenza del contagio da coronavirus su 100mila abitanti. La settimana scorsa oltre al Molise c’erano Valle d’Aosta, Lombardia, Piemonte, Sardegna e Abruzzo. Ora invece si sono anche Umbria, Puglia e Provincia di Trento. Diventa ‘rossa’ però la Basilicata.

I DATI NAZIONALI DI OGGI

In Italia rilevati nelle ultime 24 ore 2.938 casi di infezione al Sars-Cov-2 (tasso di positività all’1% circa) ma continuano a scendere gli attualmente positivi nel Paese. Oggi le vittime sono state 41 (ieri 39) mentre continuano a calare – per il terzo giorno consecutivo – le degenze ospedaliere: rispetto a ieri -48 nei reparti ordinari e -12 nelle Terapia Intensive.