Quantcast
La strategia

“Toma ignora la volontà del Consiglio”. M5S si rivolge ai sindaci per annullare Piano sanità

Appello di Andrea Greco e degli altri consiglieri pentastellati alla Conferenza dei sindaci per dare seguito alla mozione approvata dal Consiglio regionale. Poi l'annuncio: "Stiamo valutando la possibilità di chiedere all’Assise regionale di impugnare il Pos anche davanti al Tar"

“Il Programma operativo straordinario può essere cambiato solo dal Governo”: così il governatore-commissario Donato Toma ha chiuso il ‘capitolo’ relativo all’annullamento del decreto con cui è stato adottato il Pos 2019-2021. Parole che in pratica rendono nulla la mozione proposta dal Movimento 5 Stelle, sostenuta da Pd e dai dissidenti del centrodestra Michele Iorio e Aida Romagnuolo e approvata dal Consiglio regionale due giorni fa.

La reazione dei pentastellati non si è fatta attendere: “Il Presidente-commissario è sempre più in preda ad un delirio di onnipotenza. Il Consiglio regionale, che è stato più volte umiliato da Toma, ha chiesto chiaramente la revoca del Piano operativo sanitario. Un piano adottato con un atto di imperio, senza alcuna concertazione, e che porterebbe allo smantellamento definitivo della sanità pubblica a vantaggio dei privati, regionali e non solo. Di tutta risposta, il ‘sovrano assoluto’ dichiara di voler andare dritto per la sua strada, rigettando le richieste dell’Assise e l’ormai sacrosanto invito alle dimissioni.

Di fronte a questo scenario surreale, dell’uomo solo al comando che ignora impunemente la volontà popolare – rappresentata dalla maggioranza che in Consiglio lo ha mandato sotto più e più volte – tutti hanno il dovere morale di opporsi. In particolare, pensiamo alla Conferenza dei sindaci, uno degli organismi deputati a redigere pareri sul Pos. Ci aspettiamo che l’invito del sindaco Gravina non cada nel vuoto e che la Conferenza impugni ufficialmente il Piano sanitario”.

Questa dunque la ‘strategia’ pensata da M5S per raggiungere l’obiettivo: l’annullamento del Pos. Ieri, fra l’altro, l’amministrazione comunale pentastellata di Campobasso ha dichiarato di voler agire in tal senso. Per Greco e soci, il fronte degli oppositori deve ampliarsi.

“Dal canto nostro, continueremo a dare battaglia in Consiglio regionale, dove Toma non ha più i numeri da tempo. Stiamo infatti valutando la possibilità di chiedere all’Assise regionale di impugnare il Pos anche davanti al Tar. Non la daremo mai vinta a chi ha l’arroganza di ignorare le richieste dell’intera popolazione molisana. Non ci arrenderemo mai all’idea che la sanità in Molise sia ostaggio degli interessi dei privati, un business che non tutela l’interesse pubblico ma ingrossa la tasche di pochi. Né permetteremo che i cittadini si trasformino in bancomat da svuotare, in freddi numeri. Chiediamo ora ai sindaci un segnale di responsabilità: dimostrate di stare dalla parte dei cittadini e non con chi intende privatizzare la nostra sanità.

leggi anche
Micone e Cefaratti
Reazioni e veleni dopo il voto sul pos
Resa dei conti in maggioranza, traditori sott’accusa. Le opposizioni invocano le dimissioni di Toma
Toma Micone Cefaratti
Il voto sul pos
Toma affonda sulla sanità: maggioranza battuta, il Consiglio sconfessa il Piano operativo adottato dal presidente
pronto soccorso ambulanza san timoteo
Possibili ricorsi contro il pos
Scatta l’offensiva di sindaci e comitati contro il Piano sanitario: “Andiamo al Tar”
Toma Micone
L'intervista dopo il voto sul pos
Toma tira dritto: “Deluso dalla maggioranza, ma non mi dimetto. Lascio solo se il Governo non ci darà i soldi”
commenta