Quantcast

Viaggio nel primo giorno di scuola: tra regole, controlli e speranze “c’è fame di normalità” foto

Una mattinata emozionante tra le scuole della regione dove inizia oggi, 15 settembre, il terzo anno scolastico dell'era Covid. La parola d'ordine è una soltanto: evitare il ritorno alla didattica a distanza. Ma per farlo occorrono regole e misure di sicurezza. E anche che l'istituzione scolastica le faccia rispettare.

All’emozione si unisce la speranza, l’auspicio – condiviso da docenti, genitori e studenti – di poter andare avanti l’intero anno scolastico senza le lunghe interruzioni dai banchi che hanno caratterizzato l’era covid.

Ottimismo è la parola chiave, che aleggia in tutti gli istituti della regione, dove questa mattina, mercoledì 15 settembre, è suonata la campanella.

MONTINI DI CAMPOBASSO: ZAINI IN SPALLA E GREEN PASS ALL’INGRESSO

Pronti alle 8.10 per la prima campanella gli studenti della scuola secondaria di primo grado Montini di Campobasso dislocati nella sede di via Pietrunti nella zona industriale. Zaini in spalla, diversi genitori a qualche metro a controllare che tutto fili liscio, mascherine d’obbligo, emozione che si fa sentire. Sensazioni uniche, irripetibili, pur vissute nelle restrizioni imposte per la pandemia. Gli insegnanti e il personale scolastico entrano solo dopo aver dimostrato di avere il green pass. E non si registrano problemi in tal senso.

Scuola Montini Campobasso

LICEO ROMITA DI CAMPOBASSO: L’EMOZIONE DEI RIENTRO TRA GLI APPLAUSI 

Ingressi scaglionati al Liceo Scientifico Romita di via Facchinetti a Campobasso dove i primi ad entrare sono stati i ragazzi del primo anno. Sicuramente i più tesi per la nuova ‘avventura’ dopo 18 mesi divisi tra didattica a distanza e in presenza. La paura di una nuova chiusura aleggia un po’ su tutti, studenti e insegnanti, ma i più si dicono ottimisti per questo nuovo inizio. In classe si sente qualche applauso che saluta la ripresa delle attività didattiche e fa da cornice a questo giorno emozionante come e più rispetto agli anni passati.

Liceo Scientifico Romita

 

IL TERMINAL BUS DI TERMOLI RIPRENDE VITA, AFFOLLATO DA CENTINAIA DI STUDENTI

C’è fermento poco prima delle 8 al terminal bus di Termoli. Il gran giorno del ritorno a scuola riporta centinaia di ragazzi e ragazze anche sugli autobus che dai paesi dell’interno li portano nella cittadina della loro scuola. Il caos e il vociare sono quelli di sempre. E anche l’affollamento sugli autobus, come ci raccontano alcuni giovani, è sempre lo stesso. I ragazzi indugiano alla fermata degli autobus a chiacchierare e a scambiarsi impressioni, perché oggi non è un giorno come un altro. E la tensione, in molti casi è palpabile.

Terminal primo giorno scuola

PRIMA CAMPANELLA ANCHE ALLO SCIENTIFICO DI TERMOLI, INGRESSI DIVERSIFICATI E IN ORARI DIVERSI PER GLI STUDENTI

Prima campanella anche per il liceo scientifico Alfano da Termoli, una delle scuole secondarie di secondo grado della cittadina più gettonate. L’ingresso appare ben disciplinato, con gli studenti che entrano alla spicciolata a partire dalle 8. L’ingresso a scuola, ci spiega la vicepreside, è fino alle 8:10 ma, per evitare la calca, ai ragazzi sono stati assegnati quattro diversi ingressi e gli studenti delle classi prime hanno la loro personale campanella alle 8:30.

A vigilare sul loro corretto comportamento ci sono anche quest’anno i volontari del Sae 112 che, ci spiega il presidente Matteo Gentile, sono dislocati in vari istituti scolastici della città. Sono loro a ricordare ai ragazzi di mantenere la giusta distanza, ma questa è la parte più difficile.

sae 112 ingresso scuola alfano primo giorno

“Loro ci provano, anche perchè la felicità di ritrovarsi è tanta. Ma sarebbe stato così anche ai nostri tempi, diciamoci la verità” scherza un volontario. Sempre loro ricordano agli studenti che stanno per varcare la soglia di indossare la mascherina. Allo stesso modo il personale svolge lo stesso ruolo. Non mancano i casi di ragazzi ‘smemorati’ che hanno dimenticato il dispositivo di protezione, Allora in quei casi è la scuola a fornirglielo. L’emozione, che assume a volte i tratti della tensione, è percepibile soprattutto sui volti degli studenti, e i più emozionati sono quelli delle prime che entrano per la prima volta nella nuova scuola. In generale tutti si dicono contenti della ripresa della didattica in presenza. Un ritorno alla normalità per troppo tempo negata.

Scientifico Alfano primo giorno scuola

L’OTTIMISMO DEI DOCENTI: “FINALMENTE SI RIPARTE”

Una ripartenza oltremodo attesa anche per i docenti, che nell’ultimo anno e mezzo hanno dovuto stravolgere la loro attività implementando nuovi metodi didattici, con tutte le difficoltà del caso. Il giorno di oggi segna uno spartiacque anche per loro: c’è speranza e ottimismo nei loro occhi. La previsione è che l’anno scolastico 2021/2022 sarà diverso dagli altri. Seppure ci dovessero essere nuovi focolai, si spera che questi siano circoscritti e ben gestiti. L’emergenza non è finita ma la situazione generale è notevolmente mutata. Tutto, vaccini e green pass sopra ogni cosa, contribuisce a dare una ritrovata sicurezza.

professori vicepreside primo giorno scuola alfano

UN MAZZO DI FIORI PER VALERIA CINALLI

Stamane, all’Alfano di Termoli, sarà un giorno particolare, soprattutto per discenti e docenti della classe terza G, del liceo sportivo. Valeria non ci sarà, e sul suo banco al posto suo ci sarà un mazzo di fiori. È stato il fratello a portarlo poco dopo le 8:10 e ad accoglierlo c’era la vicepreside che si è stretta con lui in un abbraccio.

fiori valeria cinalli scuola

RIENTRO IN SICUREZZA E SENZA PROBLEMI DI SPAZIO A GUGLIONESI

Gli alunni delle elementari, medie e della materna sono stati sistemati tutti nei due plessi di via Catania, dove i lavori di adeguamento sono terminati a tempo di record. Dunque quest’anno nessun problema di spazio, anzi: aule in abbondanza per gli studenti, che stamattina sono stati accompagnati all’interno e accolti dai docenti. Ressa di genitori ansiosi di salutare il figlio o la figlia prima della fatidica entrata in classe, ma anche grande rispetto delle regole, con pochissime eccezioni. Puntuale il controllo all’ingresso, per chiunque ha messo piede a scuola, del greenpass attraverso l’apposita applicazione su un tablet. Grande emozione per molti, e naturalmente un po’ di comprensibile ansia. Ma il sentimento che prevale è l’ottimismo, diffuso specialmente tra le mamme e i papà che si sentono finalmente liberati dalla schiavitù della didattica a distanza ed alle conseguenti preoccupazioni scaturite dalle infinite pause forzate alle quali i ragazzi sono stati sottoposti in epoca covid. La sensazione, complice la vaccinazione che in Molise ha raggiunto proprio ieri la soglia dell’80% di vaccinabili, è di stare uscendo dalla emergenza. Quello odierno è il vero giorno che segna la ripartenza

Guglionesi scuola 15 settembre

SINDACO GRAVINA E ASSESSORE PRAITANO SALUTANO GLI STUDENTI DEL CONVITTO ‘M. PAGANO’

Il sindaco Roberto Gravina insieme all’ assessore con delega all’istruzione, Luca Praitano, questa mattina hanno salutato gli studenti del Convitto nazionale Mario Pagano di Campobasso. Ad accoglierli il dirigente scolastico, Rossella Gianfagna, che ha guidato i due ospiti all’interno delle aule dove tutto è stato predisposto con attenzione e oculatezza per garantire le lezioni senza mai più essere costretti a tornare a quella che, sia gli studenti che i docenti, si augurano sia ormai parte di un’epoca passata: la didattica a distanza.
Il sindaco e l’assessore hanno moralmente abbracciato ognuno degli studenti e augurato loro un buon anno scolastico 2021/22. Il sindaco Roberto Gravina ha poi proseguito la sua visita di saluto destinata agli studenti del capoluogo, anche presso l’Istituto scolastico Colozza

Gravina e Praitano al Mario Pagano

D’OVIDIO DI CAMPOBASSO, IL PRESIDE CONTROLLA I GREEN PASS: “TUTTI MUNITI”

Primo giorno di scuola anche per gli alunni della scuola D’Ovidio di Campobasso. Il dirigente scolastico Luigi Confessore spiega che “ad essere preoccupate erano più le mamme che i bambini, soprattutto nelle prime classi. Tutto è andato bene, anche per quanto riguarda il green pass senza il quale non possono entrare né gli insegnanti né eventualmente i genitori”. Volti carichi di curiosità tra i più piccoli, che si affacciano per la prima volta al mondo scolastico. Grembiulini, piccole mascherine al volto, e quel vociare proprio delle entrate in classe che è davvero inconfondibile. Non è stato registrato alcun problema per gli ingressi del personale scolastico: tutti avevano il ‘passaporto verde’.

PETRONE DI CAMPOBASSO: INGRESSI ORDINATI E IL DIRIGENTE INCONTRA LE MAMME DELLA MATERNA 

Anche gli alunni dell’Istituto comprensivo “Igino Petrone” di Campobasso sono tornati in classe senza particolari disguidi. Al di là delle sezioni della scuola dell’Infanzia “Di Zinno” trasferite da via Pirandello a via Alfieri, tutto è andato così come previsto: ingressi ordinati, mascherina e distanziamento per quanto possibile.
Il nuovo dirigente scolastico, il professor Natilli, ha inteso incontrare questa mattina i genitori dei piccoli dell’Infanzia che ieri avevano palesato le loro rimostranze in merito ai lavori ancora in corso per la struttura di via Alfieri dove sono stati destinati i loro figli. Il dirigente oltre a presentarsi ai genitori ha spiegato loro l’importanza di ottemperare a delle opere che possano garantire la qualità delle lezioni scolastiche per l’imminente futuro.

Scuola Igino Petrone