Quantcast

Il Tempio dello sport torna al Comune: sciolta la convenzione coi privati, entro la primavera ci sarà una nuova strada foto

Costato 2 milioni di euro di fondi per la ripresa del terremoto, non è mai entrato in funzione ed è stato vandalizzato e abbandonato malgrado fosse stato dato in concessione. Ora torna nella disponibilità del Comune di San Giacomo degli Schiavoni guidato dal sindaco Costanzo Della Porta, che si era prefissato di restituire alla collettività l'opera. E c'è una novità: verrà realizzata una strada di accesso ex novo dalla Madonna a Lungo fino alla ex cava, poi il nuovo bando.

Si è conclusa la fase di revoca della concessione per la gestione degli impianti sportivi di Contrada Ponticelli. La Onlus che ha avuto in gestione negli ultimi 9 anni il centro realizzato con i fondi dell’ex articolo 15 ma mai entrato in funzione, i cui lavori si erano conclusi nell’ormai lontano 2011, è fuori dai giochi. La disponibilità torna al Comune.

La novità è illustrata dal sindaco di San Giacomo degli Schiavoni, il territorio sul quale è stato edificato l’impianto della ex cava, che a distanza di anni e malgrado fosse stato affidato al Centro Ippico Termolese (per 25 anni) dalla precedente amministrazione comunale di Rino Bucci, versa in condizioni pessime, come spesso raccontato nelle inchieste del nostro giornale.

La convenzione è stata sciolta, “rescissa”, spiega Costanzo Della Porta, che mette a segno anche questo gol a conclusione del mandato elettorale e alla vigilia delle elezioni comunali che lo vedono unico candidato in gara.

Costanzo della porta

“Ci eravamo ripromessi di risolvere questa questione e lo abbiamo fatto. Le carte con la Regione sono state sistemate, visto che mancavano alcuni documenti, e il Comune di San Giacomo degli Schiavoni è tornato in possesso materiale e formale della struttura. Abbiamo le chiavi da qualche settimana”.

9 anni dopo e 2 milioni buttati al vento. Impianti sportivi mai aperti: revocata la concessione al Centro Ippico Termolese

Ma la novità è anche un’altra e riguarda il fatto che gli impianti di Ponticelli verranno rimessi a bando e affidati a una società che la gestirà a lungo termine. Questo avverrà grazie a un finanziamento di 400mila euro per recuperare la struttura, ormai completamente vandalizzata, e per costruire una nuova strada di accesso che dal rettilineo della Madonna a Lungo porta giù, fino alla ex cava.

Si dovrebbe finalmente risolvere la criticità che è rappresentata proprio dalla mancanza di un’adeguata viabilità per raggiungere gli impianti. “Il Comune, entro la prossima primavera, ultimerà i lavori per rendere la struttura più appetibile e procederà al bando”.

Insomma, la grande incompiuta archiviata dalla cronaca come una cattedrale nel deserto, sembra destinata a una seconda vita. Era costata la bellezza di due milioni e mezzo di euro, l’80 per cento a carico della Regione nell’ambito dell’ambizioso progetto di ripresa post terremoto, il resto a carico del comune di San Giacomo degli Schiavoni che aveva contratto un mutuo con l’ex sindaco Galasso e poi, con l’amministrazione Bucci, l’aveva data in gestione al Centro Ippico Termolese che però per 9 anni non ha fatto nulla e non ha investito un centesimo per migliorare la funzionalità del tempio dello Sport, rimasto chiuso al pubblico.

Campetti, club house, spogliatoi, bar, servizi igienici sono ora tornati nella disponibilità del Comune di San Giacomo degli Schiavoni e si accingono finalmente a diventare quel patrimonio collettivo destinato ai giovani che abitano il territorio.