Quantcast

Il Liceo inagibile dopo il terremoto demolito e trasformato in scuola all’avanguardia: Provincia studia il progetto

Il presidente della Provincia di Campobasso Francesco Roberti sta esplorando concretamente la possibilità di ricostruire la scuola di Viale Margherita, inagibile dal sisma 2018, ex novo. Un progetto da circa 4 milioni di euro sul quale si stanno cercando garanzie circa il mantenimento dei fondi ministeriali, oltre 2,5 milioni. L'idea ha incontrato il pieno favore degli amministratori locali.

L’ex Istituto magistrale di Guglionesi potrebbe essere abbattuto e ricostruito ex novo, diventando una scuola completamente antisismica e all’avanguardia sotto il profilo della capienza e della sicurezza. Il condizionale è ancora d’obbligo, perché – come ci spiega il presidente della Provincia di Campobasso Francesco Roberti, anche sindaco di Termoli, “prima di procedere al progetto e all’impiego di fondi il Ministero deve garantirci la possibilità di fare un abbattimento, anche parziale, per non rischiare di perdere i due milioni e mezzo di euro assegnati in seguito al terremoto del agosto 2018 con finalità di consolidamento sismico”.

francesco roberti provincia

Roberti sta esplorando in dettaglio una possibilità concreta, che trova d’accordo, oltre alla struttura provinciale competente sugli edifici scolastici superiori, anche il comune di Guglionesi, dove il sindaco Mario Bellotti si dichiara favorevolissimo alla possibilità di abbattere e ricostruire la scuola, inutilizzata dal sisma di 3 anni fa. D’accordo con lui l’assessore Pino Aristotile: “Visto soprattutto il trend oltremodo positivo del Liceo Pedagogico e Linguistico, che quest’anno registra ben 5 prime classi e l’aumento del numero degli iscritti, sarebbe più che mai opportuno avere un edificio scolastico di alta sicurezza, che possa ospitare gli studenti e le studentesse che frequentano il Liceo di Guglionesi”.

Guglionesi Bellotti Aristotile Vigile

Il presidente della provincia Roberti, che è anche l’ingegnere e non difetta certo di pragmatismo, ritiene che il percorso dell’abbattimento “a mio giudizio è da privilegiare, in quanto l’edificio è datato e il consolidamento sismico, intervento già finanziato per circa due milioni e mezzo di euro, potrebbe anche rivelarsi sotto certi aspetti uno spreco di denaro in quanto non andrebbe a modificare le caratteristiche strutturali dell’edificio”. Questa la ragione per la quale la provincia si sta concentrando su un progetto alternativo, che consiste nel reperimento di un ulteriore milione e mezzo di euro per trasformare radicalmente la scuola e farne un fiore all’occhiello del territorio per quanto riguarda il patrimonio scolastico edilizio.

Ex magistrale Guglionesi liceo pedagogico linguistico

Prima di procedere in tal senso, tuttavia, è necessario avere la piena rassicurazione da parte del Ministero sulla possibilità di fare un abbattimento della struttura senza perdere i fondi, “ai quali poi verrebbero aggiunte somme nostre”. Una operazione sulla quale non c’è ancora certezza perchè i tecnici e i funzionari ministeriali, causa covid e smart working, non si sono ancora espressi in maniera definitiva.

Il liceo linguistico e pedagogico di Guglionesi aveva ottenuto la fetta maggiore dello stanziamento destinato alle scuole molisane inagibili dopo il terremoto del 14 e 16 agosto scorso. 2 milioni e 550mila euro per rimettere in sicurezza l’edificio, attraverso lavori di consolidamento delle tramezzature lesionate. Il decreto era stato firmato all’inizio del novembre 2018 dall’ex ministro dell’istruzione Marco Bussetti per complessivi 3 milioni 683mila euro destinati agli edifici scolastici molisani non fruibili per via del terremoto.

Inagibili dopo il terremoto: il Ministero concede 3 milioni e 700mila euro per 4 scuole molisane

Il liceo Domenico Pace di Guglionesi intanto registra 90 nuovi iscritti che hanno consentito di attivare ben 5 prime classi, a conferma dell’appeal che sui giovani residenti nel territorio (ma provenienti anche dalla vicina Vasto) continua ad avere una scuola decisamente versatile anche alla luce delle prospettive occupazionali future. Sono circa 390 gli attuali iscritti. Che al momento svolgono lezione nell’edificio di proprietà comunale di Piazza Indipendenza a Guglionesi, messo a disposizione dall’amministrazione per andare incontro alle esigenze logistiche e due spazi della scuola.

Scuola piazza indipendenza Guglionesi