Quantcast

Dal “catrame nero” all’eroina sintetica: strani malori tra i giovani e sequestri delle forze dell’ordine

Si chiama "Black tar", è l'eroina che arriva dal foggiano e avrebbe provocato malori a danno di diversi giovani molisani che l'hanno fumata. E poi c'è l'ocfentanil, 11 volte più potente (e pericolosa) dell'eroina tradizionale.

E’ ulteriormente inquietante lo scenario tracciato dagli investigatori – carabinieri e polizia – che in questi ultimi mesi hanno accertato diversi scambi di due sostanze particolarmente pericolose: l’eroina ‘black tar’ (catrame nero) e finanche di ocfentanil (oppioide sintetico dagli effetti simili a quelli dell’eroina, ma molto più potente. È un derivato del fentanil, un analgesico narcotico utilizzato come anestetico e antidolorifico, ora venduto illegalmente come “eroina sintetica”).

L’allarme torna a salire. Malori apparentemente inspiegabili a danno di giovani del capoluogo e zone limitrofe. Giovani che sono soliti fumare eroina, che crollano a terra, privi di senso. Fatti di cui si parla il giorno per strada o nei bar e che raccontano anche di interventi salvavita da parte dei servizi di soccorso, ma le segnalazioni agli uffici delle forze dell’ordine sono rare.

Un aspetto che non coincide con il numero di sequestri e segnalazioni investigative.

L’ultimo caso accertato risale allo scorso anno. Ma la giovane che aveva assunto l’eroina ‘black tar’ si è sentita male prima in questura. Quindi i soccorsi e il trasporto in ambulanza verso l’ospedale. Da quel momento di sequestri relativi a questo tipo di eroina da strada ce ne sono stati ancora. E quali danni questa eroina sia in grado di provocare è visibile ovunque. Ma al di là dei risultati ottenuti dai servizi repressivi nessuno ha segnalato agli uffici delle forze dell’ordine interventi per overdose o malori causati dal consumo di queste due sostanze di cui a Campobasso e dintorni si ha contezza soltanto da qualche anno.

La “Black tar” (eroina) contiene una sostanza denominata ‘6-Mam’ che una volta assunta viene rapidamente metabolizzata, con effetti più rapidi e violenti della normale eroina e spesso provoca overdose, conducendo alla morte.

E c’è l’ocfentanil. Se su una scala da uno a dieci, l’eroina è due, il solo fentanil è 11. L’ocfentanil è tra le 50 e le 80 volte più potente dell’eroina e 2,5 volte più potente del fentanil. Il suo utilizzo non controllato può provocare nausea, vertigini, fatica, mesi, edemi, anemia e cefalea; oppure, in caso di overdose, la morte per arresto cardiaco o soffocamento.

Droghe di tutti i colori, per tutti i gusti. Il mercato degli stupefacenti è sempre florido e rifornito e la questura di Campobasso in seguito ai sequestri eseguiti ha avuto modo di accertare, per esempio, che il cosiddetto “catrame nero” arriva perlopiù dal foggiano. “L’eroina che portano da Napoli è invece qualitativamente diversa” spiegano.

Sostanze di infima qualità, vendute a pochissimi euro da pusher e spacciatori. Una piaga sociale, grave e preoccupante: con appena cinque o dieci euro i ragazzi riescono a compare le dosi di eroina da fumare, qualche pasticca di ecstasy, Md o Lsd, oltre ai più tradizionali sballi da fumo e cannabis.

Droghe sintetiche che si comprano facilmente online, e non solo sul dark web, dove i mercanti della droga hanno trovato terreno fertilissimo per i loro affari.