Quantcast

Agricoltori sorpresi a bruciare residui di potatura sui terreni, multa salatissima

Più informazioni su

Sembrerebbe terminata ma così non è: continuano a verificarsi incendi nel Basso Molise, devastato dalle fiamme soprattutto nello scorso agosto, e continuano le ‘cattive abitudine’, quali quelle che vedono gli agricoltori bruciare residui di potatura sui propri appezzamenti, causando sovente incendi colposi.

Continua insomma l’emergenza incendi nel territorio bassomolisano, e le Forze dell’Ordine, della Protezione Civile e dei Vigili del Fuoco continuano ad essere impegnati su più fronti. Negli ultimi giorni, complice anche la raccolta dei pomodori, sono stati segnalati numerosi interventi che, per fortuna, non sono degenerati in disastri come quelli che hanno contrassegnato i mesi estivi.

carabinieri larino controlli pattuglia

Prosegue anche l’attività di prevenzione e repressione da parte dei Carabinieri di Larino che, durante il pattugliamento del territorio, hanno sorpreso due agricoltori intenti a bruciare residui di potatura degli alberi di ulivo e di pomodori. Per i due è scattata una sanzione salatissima ed è stato intimato loro di spegnere immediatamente le fiamme appiccate.

Fortunatamente sia le condizioni metereologiche che l’abbassamento delle temperature hanno agevolato il lavoro dei militari e degli uomini dei Vigili del Fuoco che hanno agito in stretto contatto con la cabina di regia della Prefettura di Campobasso.

 

Lo stato d’emergenza per gli incendi, deliberato dal Consiglio dei Ministri il 26 agosto scorso, coinvolge quest’anno anche la Regione Molise e, salvo ulteriori proroghe, terminerà il 26 febbraio prossimo, quando si faranno i conti di un bilancio oltremodo triste anche per la nostra regione.

 

 

 

Più informazioni su