Quantcast

Un ponte tra passato e presente, nuova opera urbana a Santa Croce col Premio ‘Antonio Giordano’ foto

Per l'ottava edizione del premio 'Antonio Giordano - Urban Art' nella villa comunale di Santa Croce una nuova installazione

Una nuova opera di urban art per Santa Croce di Magliano.

In occasione della ottava edizione del “Premio Antonio Giordano – Urban Art Project”, l’Amministrazione Comunale con apposita delibera di Giunta ha approvato e autorizzato la realizzazione di questa bellissima opera nella caratteristica cornice della Villa Comunale “D’Amico”.

L’installazione artistica e funzionale, progettata e realizzata dall’architetto Marianna Giordano e dall’artista Guerrilla Spam, con la collaborazione della locale ditta Helios s.n.c., è stata dedicata ai nostri braccianti agricoli che l’11 marzo 1955 marciarono su Melanico rivendicando il diritto demaniale sull’antico feudo, all’epoca proprietà di un grande latifondista, riuscendo in seguito ad ottenere l’assegnazione delle terre del “terzo residuo” come stabilito dalla Legge di Riforma Agraria del 1951.

Un’opera, ponte tra passato e presente, che ci permette di rispolverare la memoria, pagine di storia che interessano da vicino la nostra comunità, un invito a non dimenticare chi siamo, da dove veniamo e le lotte di chi ha avuto la forza e il coraggio di liberarsi dalle catene della fame e dell’oppressione. Un appello ad unirsi nella battaglia contro tutte quelle forme di sfruttamento dell’uomo sull’uomo che ancora oggi, come ieri, calpestano diritti e negano libertà.