Quantcast

Vola il turismo: giugno e luglio arridono a Termoli. In 7 mesi più che raddoppiate presenze rispetto al 2020

Gli arrivi totali sono attestati al +16,6% e le presenze a +27,2% rispetto allo stesso mese del 2020. Dati in aumento anche rispetto al 2019: gli arrivi al +4,1% e le presenze al +19,4%. Già giugno aveva segnato un significativo incremento, ma in generale tutto il periodo da gennaio a luglio ha fatto decollare il turismo a Termoli. Un tesoretto da non vanificare

L’estate arride al turismo termolese che fa segnare un bel segno più sia per quanto riguarda gli arrivi che le presenze. Turismo a Termoli invero in forte crescita (rispetto agli stessi mesi del 2020 e ancor più del 2019, anno pre-pandemia) soprattutto nel mese di giugno. In ogni caso il mese successivo è stato ancora premiante, sebbene in misura inferiore. È quanto emerge dai dati raccolti dall’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo presso le strutture alberghiere ed extralberghiere della città.

spiaggia borgo antico castello  termoli turismo

Aspettando il dato di agosto per fare un bilancio complessivo dell’estate, ecco i dati del mese scorso nel dettaglio. Sono 42.840 le presenze nei 30 giorni di luglio pari al +27,2% rispetto al 2020. Ma l’aumento è anche rispetto al 2019 quando, nello stesso mese, si erano registrate 35.888 presenze.

Notoria la bassa presenza in città di strutture ricettive di tipo alberghiero, compensata in larga parte dal boom di bed&breakfast e di affittacamere. E ad andare a gonfie vele sono state appunto le strutture extralberghiere che, tra italiani e stranieri, hanno registrato un +23,3% negli arrivi e un +31,4% nelle presenze rispetto allo scorso anno. Nel raffronto coi dati del 2019, si conferma il “trend” in netto incremento con un +28,7 negli arrivi e stessa percentuale nelle presenze (+28,7).

Gli alberghi, sempre a luglio, hanno totalizzato (italiani e stranieri compresi) un +12% negli arrivi e un +21,8% nelle presenze rispetto al 2020 e un +8,4% nelle presenze rispetto al 2019.

2021, raddoppiano i turisti a Termoli e superano i dati pre-pandemia. Boom di stranieri a giugno

Già a giugno, come si diceva, si era vista una partenza col piede giusto, quando il dato complessivo (italiani e stranieri) in alberghi e non aveva segnato un +84,3% negli arrivi e un +115% nelle presenze rispetto all’anno precedente. Nel dettaglio, gli italiani che hanno soggiornato sono stati +81,1% negli arrivi e +108,7% nelle presenze; gli stranieri, invece, sono stati ancora di più e in netta crescita: +214% negli arrivi e +834,55% nelle presenze.

Corso gente turisti termoli

Ampliando lo sguardo su tutti i mesi del 2021 di cui si hanno i dati, possiamo dire che c’è stata una lunga ascesa nell’anno in corso con il turismo a Termoli che nel semestre gennaio-giugno ha continuato a salire annullando i riflessi negativi del virus, e luglio non ha smentito le aspettative di crescita.

Nel periodo gennaio-luglio 2021 infatti le presenze complessive, considerando le strutture alberghiere con viaggiatori nazionali e stranieri, sono state 84.012. Rispetto al 2020 con 54.987 presenze, si rileva un incremento del 52,8%. Considerando, infine, il 2019 con 76.743 presenze, si evidenzia una crescita del 9,5%. I viaggiatori – evidenzia inoltre l’Aast – sono rimasti più giorni rispetto agli ultimi anni.

Spiaggia mare gente folla acqua

Il turismo a Termoli sembra dunque essere decollato più che mai. Netto l’incremento sia rispetto al periodo pre-Covid sia allo stesso periodo del 2020. La bassa incidenza di contagi (se escludiamo alcuni duri mesi del passato inverno in cui la regione ha fatto i conti con le restrizioni da zona rossa) ha giocato un ruolo decisivo nelle scelte dei vacanzieri che hanno scoperto Termoli e il Molise (che risulta a tutt’oggi l’unica regione verde d’Italia nella classificazione europea che prende in considerazione appunto l’incidenza dei contagi da coronavirus sulla popolazione). Un tesoretto che si spera sia stato ben ‘sfruttato’.