Quantcast
Il lutto

Muore a 36 anni in Terapia Intensiva dopo aver combattuto 40 giorni contro il covid

Giada Morini, residente a Guglionesi, è deceduta nella notte al Cardarelli di Campobasso. Era stata trasferita in ospedale il 17 luglio e il 31 luglio era entrata in Rianimazione perchè le sue condizioni si erano aggravate a causa della polmonite indotta dal virus. Negli ultimi giorni un ulteriore irreversibile peggioramento.

E’ deceduta nella notte, dopo quasi un mese di Terapia Intensiva, la giovane donna residente a Guglionesi che aveva contratto il virus del Sars Cov 2 ed era stata ricoverata al Cardarelli di Campobasso il 17 luglio scorso con febbre e difficoltà respiratorie. La conferma arriva dai medici del reparto del nosocomio campobassano.

Inizialmente trattata nel reparto di sub intensiva, affidata ai medici di Infettivologia, era stata trasferita il 31 luglio in Rianimazione per un peggioramento inesorabile della polmonite da Covid. Giada Morini non ce l’ha fatta, e la ventilazione meccanica non è riuscita, malgrado gli sforzi incessanti dei medici, a riportare i suoi polmoni all’autonomia, anche parziale. Durante la notte la 36enne è deceduta.

Nel doloroso conteggio dei morti col covid in Molise, dall’inizio della pandemia, è la vittima 523 del virus. Per Guglionesi, il paese che nello scorso giugno ha registrato un importante cluster diffuso soprattutto tra i ragazzi, Giada segna l’undicesimo decesso. Una lunga e tragica scia di vite perse a causa del virus, che qui come altrove non ha lasciato scampo nemmeno alle persone più giovani.

Giada, secondo quanto si apprende da fonti sanitarie, soffriva di asma e non era vaccinata. Lascia tre figli e un grandissimo dolore. La famiglia e gli amici hanno sperato in un miracolo fino all’ultimo, ma non c’è stato purtroppo nulla da fare.

Con il suo decesso, risalente a poche ore fa, la Terapia Intensiva del Cardarelli torna priva di pazienti covid. In area critica invece ci sono, allo stato attuale, 7 persone dopo le dimissioni di un paziente ieri pomeriggio. Si tratta prevalentemente di cittadini non vaccinati di età tra i 50 e i 60 anni. Giada era la paziente più giovane dell’ospedale e una delle vittime covid più giovani in assoluto. Nello scorso febbraio, si ricorderà, per la stessa causa aveva perso la vita Mirko Sarchione, 38 anni. Anche lui era residente a Guglionesi e anche lui ha lasciato tre figli e un dolore inimmaginabile.

Il covid uccide un 38enne di Guglionesi, comunità sotto choc. Muore anche un 60enne di Campomarino

commenta