Quantcast

Campobasso città di murales, nuovo gioiello in via Marche: “Uomo e ambiente inseparabili”

Gli artisti Smake e Mr Blob si rifanno alla dottrina buddista e citano il Molise con un caciocavallo 'impiccato' sul ramo di un albero. Si tratta del primo lavoro del Draw the Line, giunto alla decima edizione.

Esho funi. Ovvero l’inseparabilità di vita e ambiente, tra l’uomo e tutto ciò che lo circonda. Un concetto cardine del buddismo che diventa l’essenza del messaggio che gli artisti Mr Blob e Smake hanno voluto lanciare attraverso lo splendido murale che da qualche giorno fa sfoggio dei suoi colori vivi e accesi in via Marche, numero 133 per la precisione.

Il verde dei boschi, l’azzurro dell’acqua, il marrone di una creatura quasi mitologica, una sorta di mega mosca arrampicata a un albero che su un ramo – ed ecco la citazione in salsa molisana – intravede un caciocavallo ‘impiccato’. Sul fondo uno specchio d’acqua che dà l’impressione di essere incontaminato. Istantanee di un Molise che sembra sospeso nel tempo.

Murale via Marche Campobasso

I due autori, il campobassano Davide ‘Smake’ e il tarantino Giovanni ‘Mr Blob’, dell’opera che campeggia in pieno quartiere San Giovanni a Campobasso hanno voluto sintetizzare così il significato del ‘muro’: “Non dualità della vita e del suo ambiente”, richiamando appunto il cosiddetto esho-funi. Dunque, rispetto per ciò che ci circonda, della natura, che va preservata anche e soprattutto per le generazioni future e per tutti gli altri abitanti della terra.

L’ambiente ispira il dodicesimo murale nel quartiere San Giovanni. Artisti all’opera sull’ultima facciata

È stato così completato il primo lavoro della decima edizione del Draw the Line, il festival dell’arte di strada che è diventato un punto di riferimento per la città capoluogo grazie ai Malatesta Associati. Tra l’altro, a San Giovanni dei Gelsi si è trattato del dodicesimo e ultimo murale, ora ci si sposterà probabilmente nei quartieri Cep e Fontanavecchia.    fds

Murale via Marche Campobasso