Quantcast

Centro Anziani ‘L’Incontro’, Menghini resta presidente. In futuro lavori, viaggi e novità culturali

Il Centro sociale comunale per anziani ‘L’Incontro’ di Petacciato ha rinnovato le proprie cariche nell’assemblea tenuta lo scorso 24 luglio nella sede di via Adriatico. Confermato presidente per il terzo mandato Dino Menghini. Il Consiglio Direttivo vedrà oltre a lui anche Carmine Pantalone come vice presidente, Giovanni Troiano come contabile, Antonio Bozzelli come tesoriere e Carmela Di Tullio come responsabile di alcune attività di gruppo ludico ricreative.

Rappresentante del Comune di Diritto sarà Maria Grazia Berchicci, mentre rappresentati che collaborano volontariamente alla gestione saranno Marina Di Nunzio in qualità di responsabile di alcune attività di servizio e Gaetano Fuzio come segretario.

Il Direttivo uscente ha relazionato su quanto fatto negli otto mesi precedenti, durante i quali a causa della pandemia da Covid-19 molti incontri sono stati rimandati e in particolare da febbraio 2020 le attività all’interno del Centro sono state sospese.

Proprio per questo motivo quest’anno il rinnovo del tesseramento degli associati anno 2021 avverrà in automatico senza che venga versato nessuna quota d’iscrizione.

Sono stati illustrati i lavori realizzati all’interno e all’esterno del Centro, compresa la manutenzione e alcune riparazioni. È stata espressa la volontà di potenziare le prestazioni in sede d’ufficio così da assistere al meglio i 220 associati.

Fra le novità c’è anche l’attivazione di una casella di posta elettronica, all’indirizzo e-mail: centroanziani.lincontro@gmail.com per le comunicazioni in digitale. Inoltre è stato attivato un servizio di assistenza tecnica e fiscale su documenti come Imu, Isee, 730, Modello unico e molti altri.

Visto che all’assemblea era presente anche il vice sindaco Antonio Di Pardo, a lui sono stati esposti alcuni dei problemi più urgenti, fra i quali il rifacimento del muretto esterno della sede e del cancello all’ingresso nell’area mercato, oltre ai lampioni pubblici dell’area.

“Garantire l’illuminazione significa maggiore sicurezza, evitare ambienti esterni tenuti al buio, i frequentatori o anziani possono prestare attenzione ad inciampi, gradini, dislivelli e non ultimo, aiuta a tenere lontano eventuali mali intenzionati” hanno chiesto gli associati.

Fra le novità messe in cantiere, sempre nel rispetto delle norme anti Covid, il Consiglio Direttivo ha programmato l’avvio di una scuola di ballo, pellegrinaggi religiosi verso Santuari o mete turistiche e la creazione di un gruppo cinematografico

La discussione si è poi concentrata sulla richiesta di realizzazione di una struttura per gli anziani, sempre più numerosi e bisognosi di assistenza.