Quantcast

Area di crisi complessa, assegnati 2 milioni per sostenere il reddito dei lavoratori

Ad annunciarlo l'assessore regionale al Lavoro Filomena Calenda. Inoltre sarà prorogata la mobilità in deroga per 308 lavoratori

Per il sostegno al reddito dei lavoratori dell’area di crisi industriale complessa Venafro-Campochiaro-Bojano sono stati assegnati alla Regione Molise 2 milioni di euro. Ad annunciarlo è l’assessore regionale al lavoro, Filomena Calenda, che alla richiesta del finanziamento ha lavorato assieme al direttore dell’agenzia regionale Molise Lavoro, dottor Vincenzo Rossi.

Pertanto “sarà garantita la prosecuzione degli interventi di Cigs e mobilità in deroga nelle aree di crisi industriale complessa relativi all’anno 2020 che non erano stati autorizzati per mancanza della copertura finanziaria”, spiega la titolare della delega al lavoro nella Giunta Toma. “Ne consegue che le risorse assegnate con il decreto in questione, possono essere destinate a coprire le mensilità del 2020 e saranno necessarie a garantire la continuità con i trattamenti riconosciuti per il 2021 dalla legge 178/2020 per i quali è stato previsto un apposito stanziamento a valere sul fondo per l’occupazione e la formazione”. Inoltre sarà prorogata la mobilità in deroga per 308 lavoratori (“come risulta dall’attestazione dell’Inps regionale”).

“A loro – aggiunge Filomena Calenda – sarà concesso un ulteriore periodo di trattamento di mobilità in deroga in prosecuzione del trattamento che era già stato autorizzato pari a 4 mensilità per un ammontare di 2.045.010,24.

A questa platea potrebbero aggiungersi altri quattro nominativi su cui sono tutt’ora in corso accertamenti circa il diritto al beneficio per un ammontare aggiuntivo 26.218,08 euro”.