Quantcast

Ancora un incidente all’incrocio di via America: Golf centra in pieno una Jeep. 3 persone finiscono in ospedale

L'intersezione tra via America e via Canada continua a seminare incidenti, i cittadini raccontano di auto che sfrecciano senza fermarsi allo stop

Un brutto incidente è accaduto nel primo pomeriggio di oggi all’incrocio tra via America e via Canada a Termoli. Un incrocio pericoloso, teatro di diversi incidenti, e un rettifilo in cui raramente vengono rispettati i limiti di velocità.

Oggi lo scontro tra una Jeep e una Golf. La Wolkswagen avrebbe centrato in pieno l’altra auto e, a seguito del forte impatto, in questa sono scoppiati tutti gli airbag. Tre le persone a bordo della Jeep, due donne e un bambino di 10 anni, rimaste ferite – pare non in maniera grave – e perciò trasportate in ospedale per accertamenti.

La Golf – stando ad alcune testimonianze e ad una prima ed ipotetica ricostruzione da parte delle forze del’ordine – pare non abbia rispettato la segnaletica stradale violando lo “Stop” e travolgendo quindi la Jeep che stava sopraggiungendo in quel momento. L’impatto è stato violento, tanta la paura anche da parte di chi ha assistito impotente alla scena. Subito è scattata la richiesta di aiuto ai soccorsi e sul posto sono intervenute le ambulanze del 118 coi volontari della Misericordia di Termoli che hanno trasportato i tre feriti al San Timoteo. Sul posto anche gli uomini della Polizia Locale.

Incidente via America Termoli

L’incidente ripropone il tema della pericolosità dell’incrocio tra via America e via Canada-via Argentina. Lì da poco, peraltro, è stato rifatto l’asfalto ma nulla pare cambiato.

A sottolinearlo sono proprio i residenti della zona che più volte hanno segnalato la necessità di regolamentare meglio il crocevia perché “spesso le macchine non rispettano la segnaletica e corrono senza rallentare”. Non è la prima volta infatti che in questa zona si verificano incidenti con conseguenze spesso serie per gli occupanti e per i mezzi. “Ma di prendere provvedimenti perché non accadano fatti più gravi – dicono sempre i cittadini – pare non interessi a nessuno”.