Quantcast

Viabilità, presto l’apertura al traffico del tratto Provvidenti-Bonefro. “Alternativa alla Bifernina”

Il presidente della Provincia Roberti annuncia le novità per la viabilità del cratere sismico. Approvato anche il progetto esecutivo per la messa in sicurezza della provinciale 159

Ci sono alcune novità per due strade del cosiddetto cratere sismico del 2002, di cui spesso vi abbiamo parlato a causa delle difficoltà degli automobilisti nel percorrere vie dissestate e danneggiate.

Ad annunciarle il presidente della Provincia Francesco Roberti. Innanzitutto, proseguono spediti i lavori per completare il collegamento di 2 chilometri tra la Bifernina e la statale 87, tra il bivio di Provvidenti e la stazione ferroviaria di Bonefro: sono state realizzate le principali lavorazioni, tra cui le pavimentazioni e, a breve, sarà completato e aperto al traffico. L’opera è finanziata con 1 milione di euro di fondi regionali.

La seconda buona notizia riguarda la provinciale 159 perchè è stata indetta la gara di appalto per la sua messa in sicurezza dopo l’approvazione del progetto esecutivo. A prevederlo la determinazione dirigenziale n°1065 del 30 giugno. Il tratto interessato va dalla stazione ferroviaria di Bonefro alla zona industriale sello stesso paese interessato da un grave dissesto; l’opera è finanziata con fondi regionali FSC 2014/2020 e ammontano a 2 milioni e 230 mila euro.

“Si tratta di lavori – spiega il presidente della Provincia – che migliorano la percorribilità di importanti tratti delle arterie stradali dell’entroterra, che costituiscono altresì valide alternative alla Fondovalle del Biferno interessata da cantieri, restringimenti di carreggiata e da semafori”.

Roberti esprime soddisfazione per avere tenuto fede alle promesse fatte, imprimendo una accelerazione alle procedure tecniche e amministrative riguardanti le due opere, da tempo attese e fortemente volute dai cittadini e dagli Amministratori locali: “I risultati raggiunti sono frutto di un rapporto sinergico tra le Istituzioni interessate e, di questo, ringrazio il presidente della Regione Toma, l’assessore regionale alle Infrastrutture Niro, nonché i consiglieri provinciali e i sindaci dell’area”.