Quantcast

Quattro furti in una notte, i cittadini scendono in strada a caccia dei ladri

In queste settimane il fenomeno ha subito picchi rilevanti tanto da scatenare la rabbia dei residenti. I consiglieri Mazzei e Stinziani scrivono al prefetto

Torna  a preoccupare il fenomeno dei furti nelle abitazioni. Fenomeno che si acuisce soprattutto durante il periodo estivo. Questa volta l’allerta arriva da Trivento, territorio che nelle ultime settimane è stato oggetto di numerosi furti o tentativi di furto nelle case. Soltanto quattro sono quelli portati a segno la sera del 27 luglio.

Una situazione che è stata portata all’attenzione dell’amministrazione comunale dai consiglieri Gianfranco Mazzei e Raffaele Stinziani che con un’interpellanza inviata per conoscenza anche al Comando Legione dei Carabinieri e al prefetto di Campobasso chiedono interventi rapidi a causa del clima di paura che si è generato in paese.

“I nostri concittadini –scrivono – stanno vivendo questa situazione con ansia, preoccupazione e rabbia”. E lo deducono anche dal fatto che dopo l’ultima razzia del 27 luglio si è scatenata una vera e propria “battuta di caccia al ladro” alla quale “hanno partecipato moltissimi cittadini”.

Il fenomeno non accenna a diminuire “e sta assumendo connotati preoccupanti per la sicurezza e l’integrità del nostro territorio” scrivono i due consiglieri sottolineando fra l’altro che la “stazione dei Carabinieri risulta essere sott’organico e che la polizia municipale è stata depotenziata con lo spostamento di una unità di personale al settore tecnico”.

A poco sarebbero servite anche “le poche telecamere installate sul territorio che non hanno dissuaso i malviventi”.

Preoccupati dalla rabbia che serpeggia in paese e dai rischio che i cittadini decidano di farsi giustizia da soli chiedono al sindaco di sapere “quali iniziative sono state intraprese da questa amministrazione per contrastare questi fenomeni che turbano la serenità e la tranquillità dei cittadini; quali accordi sono stati concertati con le forze di pubblica sicurezza” e se è intenzione dell’amministrazione “riassegnare il vigile urbano all’ufficio di polizia municipale anche al fine di prevedere turni serali di controllo da parte del personale di polizia municipale; nonché  se intende avvalersi anche di imprese di sorveglianza privata per potenziare, in questo periodo estivo, il controllo del nostro territorio”.