Quantcast

Ospedale San Timoteo, dopo anni di guasti e disagi per i pazienti ecco la nuova Tac

Presentata la nuova apparecchiatura con software e tecnologia all'avanguardia, capace di ridurre le radiazioni dell'80% rispetto ai precedenti modelli

Dopo anni in cui la Tac del San Timoteo ha funzionato a singhiozzo, con continue rotture ed esami rinviati per giorni, finalmente stamattina è stata inaugurata la nuova apparecchiatura per la tomografia assiale computerizzata per la radiodiagnostica.

L’inaugurazione è avvenuta all’ospedale San Timoteo di Termoli, alla presenza del presidente della Regione, Donato Toma, il sindaco Francesco Roberti, il commissario ad acta alla sanità, Flori Degrassi, il dg Asrem, Oreste Florenzano, il direttore dell’Unità operativa complessa di Radiodiagnostica, Roberto Camperchioli, oltre a una rappresentanza del personale medico del San Timoteo, fra cui i primari Nicola Rocchia e Giovanni Serafini.

tac san timoteo

“Il Tomografo assiale computerizzato 64 strati – fa sapere la Regione Molise – si avvale di un sistema innovativo che permette di adattare la dose alla conformazione fisica del paziente ed è, inoltre, dotato di software che assicura la riduzione della dose di radiazioni sino all’80%, rispetto alle precedenti tecnologie.

L’apparecchiatura consta di una piattaforma aggiornabile nel tempo, sia come numero di strati, sia per quanto attiene ai nuovi pacchetti software di prossima immissione sul mercato. In ottemperanza al nuovo Decreto legislativo Euratom, consente la registrazione della dose di radiazione.

Da evidenziare i pacchetti applicativi per studi avanzati: software oncologico, applicazione specifica per la valutazione della risposta alla terapia; software avanzati per studi vascolari; perfusione neuro; riduzione degli artefatti determinati da protesi metalliche; software per lo studio dei noduli polmonari; software per la fusione delle immagini; software per la valutazione della quantità di calcio nelle coronarie”.

tac san timoteo

La speranza è che la nuova Tac possa semplificare e velocizzare il lavoro in fase di diagnostica per il personale del San Timoteo, rendendo più agevole anche la degenza dei pazienti e di coloro che si recano in Pronto soccorso in caso di incidenti o traumi.