Quantcast

Negativo al molecolare il giovane che lavora in Comune. Sindaco invita popolazione a vaccinarsi il più possibile

La situazione è sotto controllo sul fronte dei contagi: il numero degli attuali positivi si assottiglia con i primi guariti, e il primo cittadino Mario Bellotti ringrazia la popolazione per la collaborazione con l'uso delle mascherine anche all'aperto e il rispetto della quarantena, che al momento coinvolge circa 200 persone in larghissima parte negative ai test. L'appello è quello a vaccinarsi per garantire una immunità contro il rischio di sviluppare la malattia grave.

C’è un buona notizia a inizio di giornata che arriva da Guglionesi, il comune che al momento vede il maggiore focolaio di covid con la variante Delta del Molise. Il giovane collaboratore a progetto in servizio in Comune, che ieri mattina era risultato positivo a un tampone rapido, è negativo al tampone molecolare, vera “prova del nove” per verificare l’infezione da Sars Cov 2.

Rientra l’allarme per i dipendenti e i colleghi del ragazzo, che si sono posti in autoisolamento contestualmente alla sanificazione dei locali in piazza Sant’Antonio e nell’attesa del contact tracing delle autorità sanitarie. Il Municipio, precisa il sindaco del paese Mario Bellotti, “resta chiuso al pubblico e si riceve solo per appuntamento perchè era una decisione già presa, in considerazione dello scenario epidemiologico”.

L’altra buona notizia, ancora affidata a indiscrezioni che dovrebbero essere confermate dai dati del bollettino odierno (atteso non prima delle ore 18) riguarda il numero di casi: si sarebbe assottigliato rispetto ai 50 calcolati finora grazie ai primi guariti (cioè a persone con test negativizzato) e al fatto che il cluster, dopo una decisa impennata nelle ultime settimane, sembra aver rallentato fortemente la sua corsa.

Mario Bellotti

“La situazione è sotto controllo – dichiara Bellotti – e come ormai sappiamo tutti le condizioni dei positivi sono generalmente buone, cosa che ci fa tirare un grande sospiro di sollievo. Ringrazio la popolazione di Guglionesi che sta mostrando uno spirito di collaborazione importante rispettando l’ordinanza che impone la mascherina sia al chiuso che all’aperto e che sta rispettando la quarantena con grande sacrificio”.

Le persone in isolamento in paese, come già detto ieri, sono circa 200: oltre ai positivi, in larghissima parte ragazzi, ci sono i genitori, i fratelli e le sorelle, i contatti stretti che dal tracciamento risultano negativi ma che hanno l’obbligo di restare a casa nell’attesa che i tamponi diventino negativi.

Il sindaco si appella alla sensibilità della popolazione per la salute di tutti e rivolge un esplicito invito a vaccinarsi, il più possibile. “I vaccini sono l’unica arma che abbiamo in grado di difenderci dal rischio di sviluppare la malattia e di finire in ospedale. Inoltre i vaccini, come ci dice la scienza della quale dobbiamo fidarci in maniera rigorosa, sono il principale strumento capace di arrestare la corsa del virus grazie a una immunità generale che aumenta man mano che aumenta la fascia di popolazione vaccinata. Ecco perchè non solo è fondamentale che si vaccinino le persone più anziane, gli over 60 che in parte sono ancora scoperti, ma tutti, anche i giovani. Il Comune è al fianco dei cittadini per fornire aiuto e sostegno”.