Quantcast

Matteo Renzi a Termoli, in prima fila Aldo Patriciello. Più vicino il passaggio da Forza Italia a Italia Viva foto

L’europarlamentare venafrano presente alla Cala Sveva sul lungomare di Termoli per l’incontro con Matteo Renzi che oggi presenta il suo libro “Controcorrente”. La presenza dell’eurodeputato, patron della sanità privata e campione di preferenze con Silvio Berlusconi, rilancia le voci sulla migrazione al partito di Renzi. Lui conferma la vicinanza a Renzi ("Sono qui per sostenerlo") ma dichiara: "Sono e resto parlamentare di Forza Italia".

Più informazioni su

In prima fila, all’incontro organizzato oggi alla Cala Sveva di Termoli, c’è Aldo Patriciello. Arrivato – con molti altri politici di diversi movimenti e partiti – per ascoltare Matteo Renzi, il leader di Italia Viva che presenta il suo libro “Controcorrente”, il percorso che ricostruisce la crisi di governo innescata in piena pandemia e il passaggio da Conte a Draghi.

Ovviamente la presenza di Patriciello non è passata inosservata e ha il sapore di una “benedizione” per il leader di Italia Viva, la seconda in poco tempo. L’esponente di Forza Italia non ha chiaramente confermato alcun cambio di casacca, ma al termine dell’incontro, rispondendo a una domanda di Primonumero.it, ha detto: “Sono qui per dare il mio sostegno a un leader politico, a Matteo Renzi. Nessun cambio di partito”.

Parole che non sconfessano tuttavia le indiscrezioni, sempre più forti e confermate anche da ambienti vicini a Italia Viva, di una vicinanza tra il politico molisano e l’ex premier. Patriciello replica con una breve nota ufficiale ai rumors: “Immaginavo che la mia presenza di oggi a Termoli per la presentazione del libro del senatore Renzi avrebbe potuto dar vita a fantasie e notizie non veritiere. Nulla di male. La stampa fa il suo dovere e riporta notizie, ci puó stare. Ho partecipato volentieri perché ho ritenuto interessante ascoltare direttamente dalla voce di un ex Presidente del Consiglio il racconto di uno spaccato della nostra recente storia politica. Questo ovviamente non implica nessun passaggio politico né cambio di casacca. Sono e resto un parlamentare europeo di Forza Italia”.

Le voci su una imminente migrazione di Patriciello da Forza Italia a Italia Viva, d’altronde, avevano preso corpo già all’inizio dello scorso giugno, quando alla cena con il presidente del Partito Ettore Rosato organizzata a Isernia in vista delle amministrative aveva partecipato proprio Aldo Patriciello. Secondo molti sarebbe stato proprio lui, il patron del Neuromed, il re della sanità privata, il regista dell’operazione in procinto di dare l’addio a Silvio Berlusconi con una intesa già pronta con Matteo Renzi. Lui in quell’occasione aveva smentito. “Sono e resto un parlamentare europeo di Forza Italia” aveva dichiarato in una nota, aggiungendo che “per cultura politica e storia personale sono abituato a parlare e  dialogare con tutti”.

Ma è ovvio che questo nuovo indizio odierno ha il valore di prova a favore di un passaggio, probabilmente imminente, da Forza Italia (partito nel quale Patriciello milita dal 2008) a Italia Viva.

Alla Cala Sveva, dove già altre svolte si sono svolti incontri politici (il più noto e recente: la visita di Salvini nell’agosto 2019 che proprio qui ha aperto la crisi di Governo dopo il Papeete Beach) ci sono anche diversi sindaci del Molise, il consigliere regionale Cefaratti e l’assessore regionale Vincenzo Cotugno, che è anche cognato di Aldo Patriciello. Matteo Renzi, che ha parlato per un’ora circa, è stato presentato da Giusy Occhionero, deputata eletta con Leu in Molise grazie ai voti del proporzionale e passata sotto l’ala renziana.

Più informazioni su