Quantcast

Lupi, imprenditori francesi entrano in società. Squadra: rivoluzione in attacco, addio a Esposito e Cogliati

Il percorso verso il professionismo comincia oggi, 27 luglio, quando il presidente del Campobasso Mario Gesuè e l'amministratore delegato Raffaele De Francesco hanno incontrato i giornalisti per annunciare il nuovo gruppo di imprenditori guidato da Julien Giuge che ha rilevato delle quote della società. E' stato fatto anche il punto sulla rosa a disposizione di mister Cudini, nella quale quasi sicuramente non ci saranno l'attaccante milanese e il fantasista di San Martino in Pensilis. Il 1 agosto prima amichevole con l'Avellino.

27 luglio 2021. Il nuovo ciclo tra i professionisti del Campobasso comincia ufficialmente oggi. Quasi un mese dopo la grande ‘sbornia’ e l’euforia per la storica vittoria del campionato di serie D, la società rossoblù rompe il silenzio nel primo incontro ufficiale con la stampa locale. Numerosi i piatti del ‘menù’, e forse era inevitabile dopo che per settimane le bocche sono rimaste cucite nonostante non fosse difficile incontrare nel capoluogo il patron Mario Gesuè e i principali componenti della compagine societaria.

La macchina rossoblù si è rimessa in moto. E la partenza verso la serie C è contraddistinta da due fondamentali novità. La prima: l’ingresso nel sodalizio di un gruppo imprenditoriale guidato dal francese Julien Giuge. La seconda: l’addio di due calciatori a cui la piazza era particolarmente legata, ossia il fantasista Vittorio Esposito e l’attaccante Pietro Cogliati. Troppa distanza tra la domanda e l’offerta, come si direbbe nel gergo economico. Nell’anno calcistico che verrà,  insomma, sarà rivoluzionato il settore offensivo.

“L’obiettivo è disputare un campionato tranquillo per puntare alla permanenza nella categoria, fiducia all’ossatura della squadra che ha vinto il campionato di serie D”: il concetto ribadito da mister Mirko Cudini, dal ds Stefano de Angelis e dal direttore dell’area tecnica Luigi Mandragora. I dirigenti sono già alla ricerca dei sostituti di Esposito e Cogliati. “Potrebbero essere giocatori con caratteristiche diverse, anche più forti”.

Campobasso Calcio Luigi Mandragora Mirko Cudini Stefano De Angelis

I dodici giocatori riconfermati sono il segno della continuità. In più si scommetterà sui giovani più talentuosi e promettenti, una scelta che consentirà al club anche di godere dei contributi previsti dalla Lega per le squadre che schierano gli under.

LA SOCIETA’ – “Il gruppo di imprenditori francesi guidato da Julien Giuge è entrato in società acquisendo una parte delle quote“, ha annunciato il patron Mario Gesuè con l’amministratore delegato Raffaele De Francesco. Nei giorni scorsi è stato ufficializzato l’accordo con un altro importante partner, il Neuromed della famiglia Patriciello, oltre a confermare l’intesa con Levigas, impresa del settore energetico. Inoltre, “il tessuto imprenditoriale sta rispondendo in maniera concreta”, ha detto ancora Gesuè.

Ma c’è una piccola nota stonata nello spartito rossoblù: il rapporto con il socio americano e con Matt Rizzetta in particolare, con cui si stavano avviando progetti importanti volti a fidelizzare chi vive negli Usa ma ha il Lupo nel cuore. “E’ stato un fulmine a ciel sereno, non ci aspettavamo quella reazione”, le parole del presidente rossoblù riferendosi alla presa di posizione dei soci americani. “All’interno di una società possono esserci visioni diverse ma le discussioni non si fanno in televisione o tramite i comunicati”.

L’obiettivo è di rimettere presto insieme i cocci del vaso, di non arrivare al divorzio definitivo perchè “un azionista è un azionista a tutti gli effetti, dal punto di vista legale non possiamo mettere alla porta i soci americani, ma al tempo stesso bisognerà sedersi attorno a un tavolo per capire come si può proseguire, non si può andare avanti da separati in casa”. In pratica bisognerà chiarire e soprattutto evitare di rendere più fragile un club che quest’anno, tra i Professionisti, dovrà vedersela con realtà più solide dal punto di vista calcistico e societario.

“Purtroppo dopo la vittoria del campionato ci siamo ritrovati con una barca in una tempesta, ma anche questa volta abbiamo affrontato le difficoltà, tutti insieme. Se oggi siamo qui, è la vittoria di quasi tutti. Ma ci godiamo questo momento e siamo pronti ad affrontare il campionato con il viso rivolto verso l’alto, senza aver la paura di nessuno”, ha scandito Gesuè. Un appello ai tifosi: “Ogni tanto vedo un po’ di tristezza, quasi come se non fossimo felici di affrontare la serie C. Mi piacerebbe vedere più entusiasmo, ci troveremo ad affrontare un bellissimo campionato e grandi squadre, tra le più importanti d’Italia, come il Taranto, il Catania, il Palermo, il Bari, il Foggia, l’Avellino. Questo girone è più bello di quanto abbiamo immaginato”.

LA PRIMA AMICHEVOLE – Intanto domenica 1 agosto si svolgerà la prima amichevole ufficiale con l’Avellino: si giocherà dalle 16.30 allo stadio Romagnoli. Oggi è partita la prevendita, a disposizione ci sono mille biglietti “per i soli residenti in Molise. Non sono previsti biglietti ‘ridotti’”, informano dal club. I tagliandi si potranno acquistare a partire da oggi, 27 luglio, dalle ore 17 allo store di Corso Vittorio Emanuele II e sul sito: https://www.postoriservato.it/biglietti/acquista-biglietti-campobasso-avellino.html.

Di seguito i prezzi dei tagliandi:

Curva Nord: 10 euro

Curva Sud: 10 euro

Tribuna Laterale: 15 euro

Tribuna Centrale: 20 euro