Quantcast

Infrastrutture, al Molise oltre 25 mln per la sicurezza di ponti e viadotti

Il parlamentare M5s molisano Antonio Federico annuncia lo stanziamento di 25 milioni di euro, destinati alla nostra regione, per la messa in sicurezza di ponti e viadotti. 

“Grazie alle misure volute dal Movimento 5 Stelle con il Governo Conte 2, sono ora disponibili 1,15 miliardi di euro per la messa in sicurezza di ponti e viadotti, per la realizzazione di nuove infrastrutture e per la relativa rete viaria”.
Così Antonio Federico, portavoce M5S alla Camera dei deputati, commenta la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto firmato dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili e dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Antonio Federico audizione in Parlamento con Figliuolo

“Le risorse – spiega il deputato – si articolano nel periodo 2021-2023 e sono parte di un finanziamento per la messa in sicurezza della rete di Province e Città Metropolitane cominciata già nel 2018 e che complessivamente ammonta a 6,9 miliardi di euro.

Al Molise sono stati assegnati 25.230.320 euro in totale per l’intero triennio. La ripartizione annuale prevede 7.678.793 euro nel 2021 di cui 4.119.954 per la provincia di Campobasso e 3.558.838 per quella di Isernia; 9.872.734 euro nel 2022, di cui 5.297.084 per Campobasso e 4.575.649 per Isernia. Infine di nuovo 7.678.793 euro nel 2023, sempre 4.119.954 per la provincia di Campobasso e 3.558.838 per quella di Isernia.

La ripartizione delle risorse – continua Federico – è stabilita secondo criteri che includono vari fattori: parco circolante dei mezzi, vulnerabilità rispetto ai fenomeni sismici e al dissesto idrogeologico, stato della rete viaria. Inoltre il trasferimento di questi fondi sarà eseguito in base a un programma che gli enti dovranno presentare al Ministero delle Infrastrutture.

Si tratta di investimenti importanti e destinati a numerose attività come la progettazione, la verifica della sicurezza, il dissesto idrogeologico o la vulnerabilità sismica. In questo modo – termina il portavoce M5S – sarà possibile completare un processo di verifica e controllo di tutte le infrastrutture del Paese, indispensabile per una mobilità sicura e efficiente”.