Quantcast

Brucia la collina di Santa Maria di Monteverde: nella notte a fuoco 25 ettari di vegetazione

Gli uomini del Comando provinciale di Campobasso hanno impiegato ore per spegnere l'incendio: impegnati due squadre e sei automezzi in un'area non molto distante dall'antico santuario. "Il fuoco è partito in due punti diversi e allo stesso orario, tra le 23.45 e mezzanotte", la ricostruzione che fa il sindaco di Mirabello Angelo Miniello presente sul posto assieme ai Carabinieri.

È durato tutta la notte l’intervento dei vigili del fuoco del Comando provinciale di Campobasso impegnati ad arginare il rogo che la scorsa notte ha interessato la collina di Santa Maria di Monteverde, in territorio di Mirabello Sannitico. Un vasto incendio ha danneggiato fortemente un’area naturale che si trova a circa 700 metri dal santuario della Madonna, l’antico monastero benedettino di cui sono presenti i resti che si trovano accanto a una piccola e graziosa chiesa rurale. Antistante al santuario si trova un’area pic-nic che in questi giorni è meta di scampagnate di famiglie e gruppi di amici.

Incendio Collina Santa Maria di Monteverde

E’ andata a fuoco un’ampia zona, stimata tra i 20 e i 25 ettari di terreno e compresa tra la Provinciale e la stradina che conduce al santuario: le fiamme hanno avvolto la vegetazione, boscaglia e sterpaglia e si sono propagate velocemente creando anche un po’ di apprensione tra i residenti delle villette presenti nella zona.

Gli uomini del 115 hanno impiegato ore per spegnere l’incendio: sono stati impegnati due squadre e sei automezzi.

Incendio Collina Santa Maria di Monteverde

Il fuoco è partito in due punti diversi e allo stesso orario, tra le 23.45 e mezzanotte”, la ricostruzione che fa il sindaco di Mirabello Angelo Miniello presente sul posto, durante le operazioni di spegnimento, assieme ai Carabinieri. L’origine dunque potrebbe essere dolosa. Fra l’altro “anche la scorsa settimana la stessa zona era stata interessata da un altro piccolo incendio ma aveva interessato pochi metri quadrati di vegetazione”, riferisce sempre il primo cittadino che ha voluto ringraziare i vigili del fuoco e gli uomini dell’Arma per la loro preziosa opera.

Questa mattina i danni prodotti dalle fiamme sono visibili, un odore acre pervade la zona.

Mirabello collina Santa Maria di Monteverde incendio area distrutta

Quello della scorsa notte è solo l’ultimo incendio di una lunga serie: dalle aree più interne alla costa, la nostra regione continua a bruciare in questa torrida estate e che sta vedendo i vigili del fuoco impegnati da giorni. Non aiutano le elevate temperature che si registrano da settimane e che hanno reso più secca la vegetazione e rendendo più rapida la diffusione del fuoco.

Due giorni fa è stato necessario richiedere l’intervento di un canadair e rinforzi di personale dalla Puglia per arginare il vasto fronte di fuoco che ha interessato numerosi comuni del Basso Molise. (SP)

Il Molise brucia, rinforzi dalla Puglia e canadair per arginare il fuoco che avanza