Quantcast

Un imprenditore francese e Neuromed nel Campobasso calcio. Il patron: “In C club più forte”

Mario Gesuè annuncia che nei prossimi giorni "entrerà un socio francese e un altro ingresso dovrebbe concretizzarsi. L'Istituto di ricerca farà da sponsor per un importante progetto scientifico". Mister Cudini verso la conferma: "Feeling speciale, ci siederemo a un tavolo ma c'è la voglia di proseguire".

Festa ed entusiasmo, certo. Ma anche lavoro alacre e futuro. L’agenda del patron del Campobasso, Mario Gesuè, è fittissima e il finale di campionato previsto sabato a Pineto è l’ultima tappa solo ed esclusivamente della D. Sì, perché gli appuntamenti in vista dell’iscrizione in C sono tanti e le novità societarie sono dietro l’angolo. In queste ore, e nei prossimi giorni, saranno sottoscritti degli importanti accordi: prevista l’entrata di due soci, di cui uno francese che era anche allo stadio ieri. E poi uno di sponsorizzazione con l’Istituto Neuromed della famiglia Patriciello. Insomma, si muove più di qualcosa. Come conferma lo stesso Gesuè.

“Vogliamo rendere la società sempre più forte. La settimana prossima è prevista l’entrata di un socio francese e probabilmente ne avremo anche un altro. Inoltre, la Neuromed ha deciso di fare da sponsor ed affiancare il Campobasso in un progetto scientifico importante. C’è un’aria completamente diversa, oggi Campobasso è ambita da tanti, ci sono davvero tante persone che vogliono entrare perché il progetto funziona”.

E a breve arriverà, salvo clamorosi colpi di scena, la conferma di mister Cudini, che a Campobasso ha praticamente solo vinto, inanellando una serie interminabile di risultati utili dall’ottobre 2019 a oggi. Con solo tre sconfitte sul groppone. “La volontà è quella, sia da parte loro che da parte nostra. È normale che bisognerà sedersi intorno a un tavolo e trovare un accordo ma è nato un feeling quasi unico. Tutti vogliamo la stessa cosa, sono contento di aver creato una famiglia rossoblù”.

Festa promozione serie C Campobasso calcio

Negli occhi di tutti restano la mega-festa per la promozione in C di domenica sera oltre che le immagini della passerella di mercoledì, al termine della partita pareggiata col Fiuggi: “Una festa non solo per il Campobasso ma per tutto il Molise e per tutti noi. Ce la siamo sudata questa vittoria, l’abbiamo voluta con tutte le nostre forze e l’abbiamo ottenuta. Alla fine quando le cose si sudano e si soffrono valgono ancora di più”.

E allora, ora bisogna solo terminare il campionato e poi mettersi a tavolino per stilare il programma in vista dell’importantissimo torneo di Lega Pro che si andrà ad affrontare.