Quantcast

Senza caserma e terra di scorribande: Portocannone ripiega sulla vigilanza privata

L'Amministrazione Caporicci avvia un progetto sperimentale di pattugliamento e controllo del territorio con una società di vigilanza dopo le richieste dei cittadini spaventati per la facilità di colpi avvenuti sul territorio

Un servizio di vigilanza privata per tenere alla larga ladri e rapinatori. Ma stavolta non è una scelta di aziende o negozi, bensì di un Comune. Si tratta di Portocannone, centro arbereshe che da anni è rimasto senza un presidio di forza pubblica dopo lo smantellamento della caserma dei carabinieri.

La vicinanza con territori ad alto tasso di criminalità come la vicina provincia di Foggia resta un grosso problema per tanti paesi del Basso Molise e Portocannone non fa eccezione. Furti in abitazione, rapine alle Poste, piccoli colpi che a volte non finiscono nemmeno sulle pagine della cronaca. Per i carabinieri di Campomarino, competenti per territorio, il compito di dover vigilare su un territorio esteso che va da contrada Ramitelli al Lido è già parecchio gravoso, senza contare il vicino comune di Portocannone.

Così l’Amministrazione Caporicci ha deciso di trovare una soluzione alternativa e aggiungere un controllo ulteriore al territorio. Da qualche giorno ha avviato “un progetto sperimentale di pattugliamento e piantonamento dinamico del territorio attuato attraverso un accordo con la società Sicuritalia (IVRI)”.

La scelta, come spiega la stessa Amministrazione in una nota su Facebook segue “le ripetute istanze sul tema pervenute dalla cittadinanza” ed è stata possibile “grazie ad una riprogrammazione di risorse derivante da economie generatesi su alcuni capitoli di spesa del bilancio comunale”.

Portocannone wifi

Il progetto avviato la scorsa settimana segue un atto di indirizzo espresso dalla Giunta con deliberazione numero 30 del 15 aprile 2021.

Ma in cosa consisterà? “Personale della Società, attiva in tutta Italia con i suoi servizi di vigilanza privata, effettuerà quotidianamente diversi passaggi notturni in distinti percorsi, programmati in modo da coprire il maggior numero possibile di vie del paese, segnalando con immediatezza alle Forze dell’Ordine la presenza di situazioni anomale o sospette.

Il progetto avrà durata semestrale (scadenza 31 dicembre 2021) con possibilità di rinnovo e/o modifica degli aspetti operativi, alla luce delle risultanze emerse da questo primo semestre sperimentale”.

L’Amministrazione ha fatto sapere inoltre che “su richiesta della Giunta Comunale, la scorsa settimana si è tenuto un incontro con il neo Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Termoli, Maggiore Vergine, il quale ha assicurato la massima collaborazione dell’Arma in termini di sicurezza ed un incremento dei servizi nonché delle attività sanzionatorie sul nostro territorio”.