Quantcast

Rifiuti radioattivi sotto la terra di Castelmauro, 40 anni dopo si scava nella campagna del fisico nucleare

Con apparecchiature sofisticate sono stati individuali livelli anomali di metalli e isotopi di cobalto e americlo nei terreni della famiglia De Notariis, dove questa mattina alla presenza anche del sindaco del paese sono iniziati scavi mirati a riportare alla luce rifiuti di natura tossica. Sul posto i tecnici dell'Arpa Molise

Si sta scavando dalle 9 di questa mattina, 23 giugno 2021, in un terreno di proprietà della famiglia De Notariis a Castelmauro, sul versante verso Guardialfiera. Si starebbe cercando, e il condizionale è d’obbligo perché di certezze non ce ne sono ancora, materiale di natura tossica o addirittura radioattivo che sarebbe stato seppellito decenni fa in quella terra. Le ricerche vengono effettuate con dei contatori Geiger che utilizzano la spettroscopia gamma, appunto una tecnica spettroscopica dei radionuclidi.

Scavi radioattivo

Sul posto oltre al sindaco del Comune di Castelmauro Flavio Boccardo ci sono i tecnici dell’Arpa Molise, l’agenzia regionale per l’ambiente, che stanno coordinando le operazioni affidate ad un escavatore precettato per l’occasione. A quanto pare da diverso tempo sono stati rilevate radiazioni di dubbia provenienza che hanno imposto un accertamento mirato.

In attesa di conferme e dettagli su quella che potrebbe rivelarsi una bonifica ambientale-bomba per il Molise, torna alla mente inevitabilmente la vicenda legata al fisico nucleare Quintino De Notariis, e del suo palazzo nel quale erano stati stipati migliaia di fusti di provenienza ospedaliera, industriale ma anche radioattivi. Qualcosa del genere, con percentuali ancora riscontrabili di cobalto, americlo, metalli pesanti e tecnezio, potrebbe trovarsi sotto la terra di proprietà della famiglia.

Quintino De Notariis è deceduto a Cuba nell’autunno del 2007 e subito dopo, con la rinuncia all’eredità da parte dell’intera famiglia, il fratello – ex sindaco di Castelmauro – ha ottenuto una importante bonifica dello stabile situato in via Palazzo, nel centro storico, dal quale ditte specializzate hanno portato via tonnellate di rifiuti, anche radioattivi.

Terreni de Notaris scavi

Ma è evidentemente una vicenda non ancora conclusa e oggi, a sorpresa e senza che la notizia fosse stata resa pubblica, si apre una nuova stagione, con scavi sottoterra.