Quantcast

Raddoppio ferroviario Termoli-Lesina, ok definitivo al progetto. A novembre la gara

Arriva il via libera definitivo all'opera ritenuta strategica per migliorare i collegamenti ferroviari lungo la dorsale adriatica, da Nord a Sud. Dopo lo sblocco dei lavori sul tratto pugliese Ripalta-Lesina arriva l'ok al progetto definitivo anche per la tratta Termoli-Ripalta

L’opera tanto a lungo attesa si farà e la conferma arriva da Rfi. Si conclude l’iter autorizzativo per il raddoppio della Termoli–Lesina, opera ritenuta strategica per potenziare i collegamenti ferroviari lungo l’intera direttrice adriatica, da Nord a Sud.

La chiusura della Conferenza di Servizi e l’approvazione del progetto definitivo della tratta Termoli–Ripalta, da parte del Commissario di Governo per il completamento del raddoppio della linea Pescara – Bari, segnano un importante traguardo nello sviluppo dell’intervento, da tempo oggetto di stop.

Governo nomina commissari per sbloccare grandi opere: ci sono anche Bifernina e raddoppio ferroviario

 

Dopo aver recepito le prescrizioni della Conferenza di Servizi sarà possibile avviare entro novembre la procedura negoziale con la pubblicazione del bando di gara per la realizzazione del raddoppio di linea lungo i 25 chilometri che separano Termoli e Ripalta.

Sul tratto pugliese di Ripalta – Lesina, assegnato lo scorso marzo a un raggruppamento temporaneo di imprese, è invece in corso la progettazione esecutiva, propedeutica alla fase di avvio cantieri, prevista entro la fine dell’anno.

Raddoppio ferroviario, si sbloccano lavori in Puglia. Restano intoppi sul tratto molisano

 

L’investimento complessivo per l’intero progetto di raddoppio dei 33 chilometri della Termoli – Lesina è di 700 milioni di euro.

“L’opera – commentano dal gruppo Rfi – consentirà di aumentare la capacità, ossia il numero dei treni, di velocizzare e regolarizzare il traffico ferroviario sulla direttrice Lecce – Bologna”.