Quantcast

Prenotazione vaccino, è il turno dei trentenni. 200mila somministrazioni, per metà giugno attese 34mila dosi

Giugno, appena iniziato, mostra già il cambio di passo nella campagna di immunizzazione contro il Covid-19. Dovrebbero essere un ricordo le problematiche legate alla mancanza di dosi di vaccino. Diverse le consegne 'in agenda' in Italia e in Molise, necessarie per imprimere l'accelerata finale. Intanto oggi i trentenni hanno iniziato a prenotare il proprio turno e fra due giorni sarà la volta dei ventenni molisani. Unico neo: ferme al palo le vaccinazioni in azienda per quanto riguarda il nostro territorio

La campagna vaccinale entra sempre più nel vivo: oggi hanno potuto prenotare il proprio turno ‘per l’immunità’ i trentenni. Intorno alle 10 circa di stamane 3 giugno infatti è stata attivata la piattaforma per coloro che sono nati tra il 1 gennaio 1982 e il 31 dicembre 1991, raggiungibile collegandosi a questo link.

trentenni prenotazione vaccino

Fra meno di 48 ore, il 5 giugno, sarà la volta dei ventenni, mentre non è chiaro quando verrà aperta in Molise la vaccinazione ai minorenni tra 12 e 16 anni, dopo che anche l’Aifa ha approvato il vaccino Pfizer per queste fasce d’età.

Da ricordare come passeranno necessariamente alcuni giorni tra la prenotazione e l’effettiva “chiamata” per il vaccino. In primo luogo perchè sono ancora diverse le prenotazioni ‘non soddisfatte’ tra sessantenni, cinquantenni e naturalmente quarantenni che hanno iniziato da pochi giorni ad essere vaccinati. In secondo luogo perchè molte convocazioni sono destinate ai cosiddetti richiami, che nel caso di vaccini Pfizer e Moderna vengono effettuati – ora – 42 giorni dopo la prima somministrazione. Nel caso del preparato AstraZeneca invece il tempo tra la prima e la seconda iniezione è all’incirca di 84 giorni e dunque molti vaccinati in prima battuta nel mese di marzo in questi giorni verranno riconvocati.

Intanto tra ieri, 2 giugno, e oggi circa 2600 maturandi di 18 e 19 anni sono stati convocati per la vaccinazione, proprio in vista del loro appuntamento clou con l’esame che chiuderà il loro ciclo di studi secondari superiori.

Vaccini studenti maturandi ospedale Cardarelli di Campobasso covid pfizer

Nelle due settimane precedenti la campagna di immunizzazione molisana ha subìto qualche rallentamento di troppo dipeso dalla scarsa fornitura (e dall’esaurimento delle scorte fino ad allora consegnate) di vaccini. Ma il cambio di passo già da questa prima settimana di giugno è vieppiù evidente. Queste le ultime recenti consegne: il 26 maggio sono arrivate 10.530 dosi del farmaco Pfizer, il 30 maggio a rinfoltire le scorte nei frigoriferi 1.800 preparati di Moderna e 2.200 di Jannsen. Poi giugno è iniziato con la grossa fornitura di 16.380 vaccini Pfizer ma non è che l’inizio.

Previsto l’arrivo di 14.040 vaccini Pfizer il 7 giugno e 15.210 il 14 giugno, oltre alle consegne (con numeri minori) degli altri vaccini, e nel dettaglio 1.800 Moderna e 2.800 AstraZeneca. Per un totale di 33.850. 
A fornire i dati sulle consegne dei farmaci anti-covid è stato il presidente della Regione Donato Toma durante il Consiglio regionale di martedì 1 giugno che ha chiarito come tali prossime consegne “consentiranno di andare avanti con la campagna di immunizzazione e raggiungere le fasce d’età così come programmato”.

Nulla di fatto invece per i vaccini in azienda, il cui avvio sarebbe dovuto essere oggi, come annunciato dal Commissario Figliuolo, ma che in Molise sembra essere al palo. Visto il buon andamento delle vaccinazioni alle fasce d’età ‘in età da lavoro’, presumibilmente non è ritenuto necessario.

Una campagna che oggi – al momento in cui si scrive – viaggia verso quota 200mila somministrazioni totali. Precisamente sono 199.670 e le dosi totali consegnate sono 219.015. Dunque al momento in Molise è stato inoculato il 91% circa dei vaccini consegnati. Circa la metà della popolazione residente in Molise ha ricevuto almeno la prima dose mentre ha completato il ciclo vaccinale all’incirca un molisano su cinque. Ma, come detto, sarà questo il mese decisivo per imprimere un’accelerata alla campagna di immunizzazione. Il vero viatico per un’estate serena.