Quantcast

Non autosufficienti, i fondi del 2019 non sono erogati. La denuncia: “Colpa dei ritardi dell’Asrem”

Disagi per gli utenti dell'Ambito Territoriale Sociale Riccia-Bojano a causa dello slittamento dei tempi per le visite mediche e le relative valutazioni degli utenti che percepiscono il contributo. Il sindaco Pietro Testa: "Il ritardo del Distretto sanitario di Campobasso è inaccettabile"

I contributi previsti per i disabili nel Fondo per la non Autosufficienza relativi al 2019 non possono essere erogati dall’Ambito Territoriale Sociale Riccia-Bojano. La denuncia arriva dal sindaco Pietro Testa che è anche presidente del Comitato dei sindaci dello stesso Ambito che descrive una situazione di forte sofferta e grande difficoltà per i malati e per le loro famiglie, costrette a far fronte a tutte le spese sanitarie.

Tutto, a suo dire, sarebbe legato ai ritardi con cui Asrem effettua le visite mediche necessarie per la valutazione clinica degli utenti che avrebbero diritto all’erogazione del finanziamento. La procedura si è bloccata in questa fase, ossia dopo che l’Ambito territoriale sociale ha inviato all’Azienda sanitaria e tramite la posta elettronica certificata la documentazione sanitaria allegata alla domanda degli stessi pazienti.

Il ritardo del Distretto sanitario di Campobasso è inaccettabile – afferma il Presidente del Comitato dei Sindaci dell’ATS Riccia-Bojano, Pietro Testa – perché si riflette su una particolare categoria di utenti costituita da persone fragili con una disabilità gravissima, che necessitano di assistenza continuativa H24, e sui loro caregivers, che si trovano a farsi carico di tutti i problemi assistenziali, che aumentano ulteriormente a causa di questo ritardo”.

sindaco di Riccia Testa

Il Presidente dell’ATS Riccia-Bojano sottolinea inoltre il grande lavoro svolto dagli operatori dell’Ambito, dalle Assistenti sociali e dal Coordinatore, che in maniera solerte e puntuale hanno proceduto con la fase preliminare, trasmettendo la documentazione all’Asrem.

“Si sollecitano pertanto, nuovamente, l’ASReM e gli organi preposti – prosegue Testa – a voler provvedere, nel più breve tempo possibile, alle valutazioni di competenza, al fine di procedere all’assegnazione del relativo punteggio e  stilare la graduatoria degli aventi diritto”.

Solo successivamente l’ATS Riccia-Bojano potrà convocare la Commissione  di riferimento e procedere all’approvazione della graduatoria.