Quantcast

Nel Centro Storico una ciclostazione di biciclette elettriche: “Siamo troppo dipendenti dall’auto”

Il Comune capoluogo porta a termine il progetto europeo ‘DynaMob 2.0’: presto a disposizione 24 bici a pedalata assistita dotate di Gps e sediolini. “Vogliamo intercettare i ragazzi e quelle persone che hanno sempre pensato che la bicicletta qui non si possa usare” dice l’assessore alla mobilità Simone Cretella.

Campobasso non è una città, storicamente, votata all’utilizzo delle biciclette. In primis, per un fatto morfologico, di conformazione di un territorio ricco di salite. E poi per ‘cultura’ e pigrizia che sono insite nella cittadinanza. Nulla di grave e di irreparabile, per carità, ma provare a educare all’uso delle due ruote anche nel capoluogo è un tentativo che merita attenzione. In tale direzione va l’adesione dell’amministrazione del capoluogo al progetto europeo ‘DynaMob 2.0’.

Conferenza ciclostazione biciclette elettriche Campobasso

“Portare a termine i progetti europei non è facile, sono molto articolati e lasciano anche poca autonomia a chi deve gestirli in periferia” spiega l’assessore alla mobilità, Simone Cretella. L’iniziativa è partita nel 2018, “arriviamo alla chiusura del progetto con qualche giorno di anticipo e cogliamo l’occasione per presentare l’anteprima di quella che sarà la fase operativa”.

La location è suggestiva e valorizzata: si tratta di un ‘budello’ di Piazzetta Palombo in cui è stata allestita una ciclostazione che presto sarà inaugurata con la fornitura completa di 24 biciclette quasi tutte a pedalata assistita (oltre a un paio di mountain bike classiche). C’è un dato eloquente che spinge a puntare sui mezzi alternativi: l’87% degli spostamenti in città avviene con un mezzo motorizzato e l’84% nell’arco di cinque chilometri.

Conferenza ciclostazione biciclette elettriche Campobasso

Ma in cosa consiste il progetto? “Mira a sviluppare la mobilità sostenibile, soprattutto ciclabile all’interno dei contesti urbani – prosegue Cretella –. Campobasso non si presta al massimo a questo tipo di mobilità ma vogliamo gettare un seme nella cultura cittadina, probabilmente una parte dei risultati di questo progetto si vedrà tra qualche anno. Vogliamo intercettare i ragazzi e quelle persone che hanno sempre pensato che la bicicletta qui non si possa usare”.

Le biciclette elettriche fanno superare qualche difficoltà legata al territorio. Ecco perché non sarà una idea malvagia iniziare a pensare di poter andare al lavoro o a fare i servizi in bici piuttosto che in auto. Tra l’altro, il progetto viene portato a termine contemporaneamente all’elaborazione del piano urbano della mobilità sostenibile che sarà operativo nei prossimi mesi. “Un impegno importante, andremo a pianificare una serie di operazioni che dovranno convertire la città da auto-dipendente a una città dove l’automobile dovrà condividere la strada assieme alle bici, ai pedoni, ai monopattini che oggi soccombono. Progetti ambiziosi ma speriamo di arrivare a risultati anche a lungo termine” conclude l’assessore.

Biciclette elettriche piazzetta palombo ciclostazione campobasso

Bisogna aggiungere che si sta ultimando la costruzione di una applicazione turistica sulla quale si caricheranno le informazioni territoriali per permettere ai visitatori di toccare con mano i luoghi più affascinanti di Campobasso, attraverso la piacevolezza di una passeggiata sulle due ruote. “Sulle bici ci saranno i Gps, oltre ai sediolini – aggiunge la dottoressa Claudia Romaniello del settore mobilità del Comune –. Si tratta di un progetto Interreg Italia-Albania-Montenegro. Il servizio sarà a noleggio a tariffe sicuramente agevolate”.

È stato individuato anche un primo percorso turistico “che parte da piazza Falcone e Borsellino, attraversa via Depretis e raggiunge Monte Vairano e in particolare Bosco Faiete dove è possibile visitare gli scavi archeologici” spiega il geometra del settore mobilità del Comune Daniele Marchesani. Saranno allestiti lungo il percorso dei cartelli turistici e altri che invitino gli automobilisti a stare più attenti.    fds