Quantcast

La ‘desertificazione’ di Campobasso, centrosinistra: “Mancano all’appello 3mila posti di lavoro”

Alla vigilia di un consiglio comunale che si preannuncia 'bollente', gli esponenti di Pd e Sinistra hanno illustrato questa mattina - 28 giugno - le proposte su cui domani chiederanno un impegno dell'amministrazione pentastellata. Il capogruppo dem: "Proporremo una clausola sociale per tutti i bandi che si faranno affidando servizi esterni. L'obiettivo è tutelare i lavoratori".

Quasi una ‘strage’, frutto della progressiva ‘desertificazione’ di Campobasso. Nel corso degli ultimi anni il capoluogo molisano ha perso attività economiche e abitanti: tante persone si sono trasferite in altre regioni. “All’appello mancano 3mila posti di lavoro in questa città e non siamo in grado di sostituirli”: il calcolo è del capogruppo dem a Palazzo San Giorgio, Giose Trivisonno.

Battista Chierchia Trivisonno Pd Campobasso

Il lavoro, oltre alla tutela del presidio della Polizia Municipale di piazza Venezia e il posto della Polizia Ferroviaria, sarà il tema principale su cui l’opposizione di centrosinistra chiederà risposte al sindaco Roberto Gravina. Avverrà domani, 29 giugno, quando a Campobasso si riunirà il Consiglio comunale. Pd e Sinistra lanciano una proposta all’amministrazione pentastellata: “Proporremo una clausola sociale per tutti i bandi (comunali, ndr) che si faranno affidando servizi esterni. L’obiettivo è tutelare i lavoratori. Così come parleremo della tutela dei vigili urbani dal momento che sappiamo che sarà smantellato il presidio di Polizia Municipale in piazza Venezia”, spiega il capogruppo dem Giose Trivisonno che oggi, all’Incubatore, ha convocato una conferenza stampa con i colleghi del Pd e della Sinistra Antonio Battista e Bibiana Chierchia.

Inoltre, ci sono timori per la sicurezza della città dopo il ridimensionamento del presidio di Polizia Municipale a piazza Venezia e la chiusura del posto della Polfer in stazione: il primo deciso dal Comune, la seconda dal Governo. 

“Siamo preoccupati per il ridimensionamento del presidio di piazza Venezia: non si perdono posti di lavoro e non ci saranno licenziamenti, ma comunque viene meno un punto fondamentale per la sicurezza dei cittadini”.

Nel corso dell’incontro con i giornalisti sono stati sviscerati proprio tali argomenti, alcuni dei quali fanno da ‘apripista’ all’assise monotematica in programma il prossimo 12 luglio in Municipio sulla programmazione dei Fondi di Coesione Europei 2021-2027. “Sembrano mancare idee e visione”: sostengono gli esponenti del centrosinistra che su questo hanno trovato un assist nell’opposizione di centrodestra.

“Al Molise serve una 4 corsie”: centrosinistra e centrodestra chiedono Consiglio monotematico

 

“Purtroppo arriveranno tanti soldi dei Fondi Fesr ma non sembra che non ci siano idee concrete per lo sviluppo. Noi pensiamo che sia importante parlarne e fare delle proposte perchè questi finanziamenti sono un’occasione irrepetibile per dotare il Molise di una quattro corsie e di infrastrutture per il lavoro”, argomenta ancora Trivisonno. “Si dice che il Molise non esiste. In realtà, i molisani se ne stanno andando. E dobbiamo fare qualcosa per invertire la rotta, per dare la possibilità di chi vuole rimanere in questa regione lo faccia, possa rimanere a vivere e a lavorare”.