Quantcast

Futsal, Vinicius Oliveira continuerà a difendere la porta del circolo La Nebbia Cus Molise

Nella splendida stagione del Circolo La Nebbia Cus Molise si è messo in mostra e nonostante la sua giovanissima età (classe 2002), è riuscito a ritagliarsi un posto importante nel nostro futsal. Vinicius Oliveira, dopo aver fatto lo scorso anno l’esordio nel campionato, continuerà a difendere la porta del sodalizio campobassano e cercherà di continuare nella sua crescita per provare ad arrivare sempre più in alto. “Quando sono arrivato a Campobasso – spiega – ho capito subito che questo era il posto giusto per me. Sono stato accolto benissimo da società, staff e compagni di squadra. Mi hanno aiutato ad ambientarmi e oggi sono felice di far parte ancora di questo gruppo. La scorsa stagione abbiamo fatto qualcosa di straordinario raggiungendo la final eight di coppa Italia e i playoff e sono convinto che potremo fare benissimo anche il prossimo anno  e perché no provare a migliorare quanto fatto nell’ultimo campionato”.

Sei giovane e hai dimostrato di avere grandi qualità. Ti sei ambientato subito nella nuova realtà.

“Al Cln Cus Molise si lavora bene e ci sono tutte le condizioni per rendere al massimo. Sono felice di essere approdato a Campobasso e spero di poter fare sempre meglio e dare il mio contributo alla causa”.

E’ stato il tuo primo anno in Italia, che idea ti sei fatto del nostro campionato?

“E’ un bel campionato, di buon livello. Ci sono squadre validissime composte da ottimi giocatori. Non esiste un risultato scontato ma si può vincere e perdere con tutti. Bisogna sempre fare massima attenzione, ogni minimo errore può essere pagato a caro prezzo”.

Avete raggiunto dei risultati straordinari andando oltre le aspettative. In cosa si può migliorare a tuo avviso?

“Si può sempre migliorare e crescere. Nell’ultimo campionato abbiamo dimostrato di non essere inferiori a nessuno. Lavoreremo per toglierci delle belle soddisfazioni e cercheremo, come sempre, di andare il più lontano possibile”.

L’ultimo è stato un anno difficile per via della pandemia. La speranza è che nel prossimo campionato possa tornare tutto alla normalità. E che i tifosi possano tornare sugli spalti del Palaunimol. Giocare con il pubblico è un’altra cosa, condividi?

“Assolutamente. Il pubblico garantisce una spinta in più. Una spinta di cui abbiamo bisogno. Mi auguro di poter raggiungere insieme ai miei compagni e ai nostri tifosi risultati sempre più importanti”.