Quantcast

Famiglia di cinghiali a spasso in pieno giorno in via Labanca: l’invasione continua

Un automobilista ha immortalato la cucciolata mentre attraversava la strada per rifugiarsi nei terreni incolti adiacenti la zona

L’emergenza cinghiali, ormai, si presenta quasi ogni giorno in tutta la sua gravità. Avvistamenti accadono non soltanto di notte e in aperta campagna, ma da un pezzo gli ungulati è facile incontrarli anche lungo le strade del capoluogo.

Cinghiali via la banca a Campobasso

Per esempio il video girato da questo cittadino e che è diventato ormai virale su tutti i gruppi social, risale a ieri lunedì 21 giugno, in pieno giorno mentre l’auto si accingeva a percorrere l’incrocio di via Labanca. Ecco quindi che un’intera famiglia di cinghiali, indisturbata, ha attraversato la strada tra lo stupore e la curiosità dei passeggeri che erano nella macchina.

Cinghiali ovunque, l’emergenza è diventata cronica. La soluzione? L’esperto: “L’uomo deve sostituirsi ai predatori”

Dopo i numerosi episodi registrati nelle settimane scorse, tornano a salire i casi di avvistamento. In molti continuano a segnalare incontri notturni di intere cucciolate di cinghiali a spasso per le strade, spesso causa di incidenti stradali. Ma ormai – allontanati dal loro habitat naturale – sono diventati anche assidui frequentatori della città e non soltanto durante le ore notturne alla continua ricerca di cibo.

La prima associazione di categoria che continuamente torna a ribadire la gravità del problema è la Coldiretti che racconta dei danni che questi ungulati provocano all’uomo e all’agricoltura. Automobilisti continuamente a rischio ma anche agricoltori sul lastrico perché i terreni  coltivati sono bersaglio di scorribande da parte di interi branchi che divorano o distruggono tutto.

E non basta l’intervento di selecontrollo previsto dalla Regione Molise per arginare il fenomeno, la Coldiretti infatti segnala la necessità di intervenire in Parlamento con una modifica della legge nazionale sulla caccia prevedendo norme specifiche per permettere di ridurre il numero di questi animali particolarmente prolifici.